menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piano spiaggia comunale, Ripepi: "Sempre più un miraggio a danno degli stabilimenti"

Il 31 ottobre la scadenza per le domande di concessione demaniale marittima. Il consigliere di FdI presenta interrogazione al sindaco ed al presidente del Consiglio comunale

"Il prossimo 31 ottobre scade il termine per la presentazione delle domande di concessione demaniale marittima per finalità turistico-ricreative  e l’amministrazione comunale non ha ancora stabilito un percorso univoco e certo che consenta a chi ne abbia l’interesse di progettare la propria impresa". E' quanto denuncia Massimo Ripepi, (nella foto) consigliere comunale di Fratelli d'Italia.

Ripepi Massimo"L’inevitabile quanto ordinaria lentezza ed imperizia dell’amministrazione Falcomatà - incalza Ripepi -hanno fatto ancora colpo sui ruderi di una città fantasma ormai vittima arresa di un sindaco assolutamente di facciata ma senza alcuna sostanza".

Nello specifico il consigliere si riferisce agli imprenditori balneari "che hanno la necessità di programmare il futuro della loro attività, essendo le stessa fonte di sostentamento in un momento storico particolarmente povero di lavoro e risorse".

Le assemblee popolari indette dal sindaco

Per il rappresentante di Fratelli d'Italia, "il caro sindaco piuttosto che occuparsi esclusivamente della sua campagna elettorale, dovrebbe prestare maggiore attenzione alle richieste dei cittadini che sono sempre di più sommersi da problemi frutto della sua pessima gestione del bene pubblico".

"Il settore turistico - ribadisce Massimo Ripepi - è portante per l’economia della nostra città e l’Amministrazione comunale dovrebbe con tutte le sue forze sostenere chi opera in questo settore contribuendo da rendere in parte un’immagine positiva della città. Purtroppo però, come in buona parte degli uffici comunali, anche quelli preposti all’operatività del PCS annegano nella più totale confusione rinviando di continuo qualsiasi decisione e scaricando come consueto la responsabilità ad altri".

Ripepi non nasconde la sua indignazione per "l'andamento pessimo di questa amministrazione", ma si dice "determinato a lottare con tutte le mie forze affinchè Reggio possa risorgere dalle sue ceneri", e anche su questo argomento ha deciso di presentare "immediatamente un’interrogazione al sindaco ed al presidente del Consiglio comunale per avere delucidazione sullo stato dell’arte del PSC di Reggio Calabria.

La città merita servizi e strutture che funzionino e che siano a livello di tutte le altre località turistico-balnerari. Il mio impegno sarà di seguire e fare battaglia anche su questo ennesimo fiasco".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Stanchezza primaverile? Sintomi e rimedi naturali

Cura della persona

Trattamenti estetici per ciglia: la parola al dermatologo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento