Meetup congiunti: "Con reddito d’emergenza soddisfatte richieste cittadini"

Sottolineata dai movimenti l'importanza di reddito e pensione di cittadinanza, considerati come "un sostegno economico finalizzato al reinserimento nel mondo del lavoro e all'inclusione sociale"

La tanto attesa fase 2 è ormai entrata nel vivo e mentre le città registrano un maggiore movimento di persone, i vertici politici del nostro Paese stanno formulando le migliori soluzioni per aiutare concretamente le fasce sociali maggiormente colpite dalla crisi economica, conseguenza della pandemia scoppiata mesi fa e ancora in corso.

Una delle misure in primo piano per sostenere i cittadini è legato al redditto e pensione di cittadinanza. A riguardo il Meetup Reggio 5 Stelle, insieme alle omonime realtà Magna Grecia, Istmo Grifalco, Catanzaro, Vibonesi in Movimento e Pizzo, hanno spiegato che entrambi gli aiuti alla popolazione "sono e rimangono degli strumenti ineludibili in uno Stato di diritto per restituire dignità a quei concittadini che ne hanno bisogno. Si tratta di una misura di contrasto alla povertà che non è mai esistito prima d’ora e che soltanto il M5S entrando al Governo ha voluto e portato in dote al nostro Paese.

E’ risaputo - prosegue la nota dei Meetup - che si tratta di un sostegno economico finalizzato al reinserimento nel mondo del lavoro e all’inclusione sociale. E tra poco nel decreto di maggio, farà il suo ingresso anche il reddito d’emergenza. Il reddito di cittadinanza del M5S è stato riconfermato nella legge di Bilancio 2020. Nel caso in cui vi siano componenti nel nucleo familiare che abbiano un'età compresa pari o superiore a 67 anni, tale sostegno assume la denominazione di Pensione di cittadinanza (Pdc). Senza tediare troppo con i dati possiamo soltanto dire che in base all’osservatorio Inps siano stati più di 142 mila i nuclei familiari che nel bimestre febbraio-marzo han presentato le relative domande al riguardo registrando un incremento dell’8,5% rispetto al periodo precedente."

Le statistiche regionali

Il comunicato dei Meetup congiunti passa anche in rassegna i dati in arrivo dalla Calabria nel periodo di aprile 2019 fino a marzo 2020, distinguendo reddito e pensione di cittadinanza. "I nuclei percettori di RdC/PdC, al netto dei decaduti dal diritto per regione e tipologia di prestazione, individuino che per il RdC il numero dei nuclei interessati siano stati 66.196 e ha visto coinvolte 169.438 persone per un importo medio mensile di 537,98 euro. Per quanto riguarda invece la PdC, il numero di nuclei interessati siano stati 6.182 e ha visto coinvolte 7268 persone per un importo medio mensile di 251,52 euro. Vista la cosa, nella sua totalità, vediamo che il numero dei nuclei interessati siano stati ben 72.378 e ha visto coinvolti 176.706 persone per un importo medio mensile di 512,73 euro.

Relativamente al reddito d’emergenza - prosegue l'analisi - che è una misura su cui il Governo intende puntare si è calcolato che verrebbe finanziato con ulteriori 3 miliardi di euro e che potrebbe sostenere 2,5 milioni di cittadini; avrebbe la durata di almeno due mesi o quantomeno fin quando se ne ravvisi la necessità ed andrebbe da un minimo di 400 euro a un massimo di 800 per le famiglie numerose. Preferiamo guardare al futuro con ottimismo e fiducialasciando da parte detrattori e quanti altri che lasciano, naturalmente, il tempo che trovano. Chi blatera impunemente non ha argomenti veri!In questo momento delicato per tutto il nostro Paese occorrerà essere uniti e compatti per non lasciare nessuno indietro e il M5S lo sta già facendo e continuerà a farlo di sicuro assieme al leader Giuseppe Conte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di una manovra poderosa che - concludono i Meetup - alimenta dal basso la domanda. Questa si traduce in un trascinamento dell'indotto pari al triplo del capitale investito. Se Keynes potesse parlare metterebbe la firma e sorriderebbe nel vedere che l'economia da lui teorizzata prende sangue e corpo oltre che dare fiducia agli operatori disseminati per tutto il campo nazionale."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si nascondevano in Germania per sfuggire alla legge, un reggino fra i due italiani estradati

  • "Mandamento jonico", l'ex sindaco di Roghudi Lorenzo Stelitano ritorna in libertà

  • "Ndrangheta stragista", Lombardo avvia la requisitoria: "Aspettiamo verità da 819 milioni di secondi"

  • Incendiata l'auto di un imprenditore, la solidarietà di Confindustria e Ance Reggio

  • Aeroporto dello Stretto, da oggi riprendono i voli di Alitalia da Reggio per Roma e Milano

  • Trovato morto a Roma Rocco Panetta: il giovane gioiosano scomparso a giugno

Torna su
ReggioToday è in caricamento