rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Politica

Balneazione a Reggio, divieti permanenti: Forza Italia contro Falcomatà

Si denuncia una mancata programmazione e si chiedono interventi risolutivi della problematica

“Nessuna programmazione per quanto riguarda la balneabilità delle nostre acque da parte dell’amministrazione Falcomatà”. Così questa mattina il gruppo consiliare di Forza Italia, nel corso di una conferenza stampa tenutasi presso la sede del coordinamento provinciale del partito.

Fulcro centrale dell’incontro, la vicenda riguardante il divieto permanente di balneazione sui nostri lidi, lungo il litorale che va da Pentimele (zona nord) a Reggio sud, proprio a pochi giorni dall’inizio della stagione estiva.

Ad intervenire, i consiglieri comunali di minoranza Lucio Dattola, Pasquale Imbalzano e Mary Caracciolo.

“La situazione, oltre che grottesca, si prospetta drammatica”, parole di Imbalzano. Si pone l’accento sulla ricchezza del patrimonio naturale di Reggio Calabria e del suo comprensorio, che si vede in parte scaduta nel momento in cui “con il nostro litorale, con le nostre spiagge, con i nostri arenili e anche con la capacità imprenditoriale dei nostri piccoli e medi imprenditori, non si riesce a garantire, prima di tutto ai cittadini e ai visitatori, la fruibilità delle acque antistanti Reggio”.

Pasquale Imbalzano non ci sta, così come Mary Caracciolo. Ciò che si denuncia maggiormente è l’inerzia dell’amministrazione comunale, nonché la mancanza di una programmazione, nel momento in cui “non è stato approntato, nell’arco di questi quattro anni, alcun intervento risolutivo o comunque contenutivo di una problematica che non è nuova, ma esiste da diverso tempo. Negli anni precedenti, ricordiamo solo dei divieti di balneazione limitati alla seconda -terza decade di luglio, ma temporanei”, dice Imbalzano.

Adesso, invece, come specifica Mary Caracciolo, secondo la normativa diventa un divieto di balneazione permanente, in quanto il report dell’Arpacal non fa sconti. “Noi avevamo già chiesto all’amministrazione Falcomatà, con un’interrogazione del 2018, che cosa intendessero fare”,  ma sembra che il tutto sia rimasto inascoltato. Secondo quanto sostiene Mary Caracciolo, infatti, non è stata pervenuta alcuna risposta o iniziativa per cercare di risolvere il problema, “nonostante la normativa italiana detti che nel caso in cui si crei un divieto permanente di balneazione, si debba dire cosa si intende fare”.

Per la capogruppo di Forza Italia, l’amministrazione Falcomatà non ha a cuore il turismo, relativamente a cui – si dichiara - l’unica misura adottata è stata la tassa di soggiorno. Iniziativa, quest’ultima, gravosa e priva di senso per Mary Caracciolo, in una città in cui i servizi essenziali per il turismo non vengono resi. La balneabilità delle acque del nostro lido comunale, ad esempio, è un servizio essenziale. Per cui, stando a quanto detto stamane, non hanno nemmeno motivo di esistere cifre così alte che i concessionari dei lidi pagano per poter montare le proprie strutture. 

“Manca il servizio maggiore: il mare – conclude Mary Caracciolo – Cosicché, in molti ripiegano su piccole piscine montate appositamente per far rinfrescare i bagnanti”. 

La mancata fruibilità delle acque è per i consiglieri di Forza Italia una vera e propria “bestemmia”. Si insiste, perciò, sulla necessità di attuare interventi immediati per risollevare lo stato attuale delle cose.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Balneazione a Reggio, divieti permanenti: Forza Italia contro Falcomatà

ReggioToday è in caricamento