rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
L'intervento

Porto, Castorina: "Il nuovo masterplan deve aprirsi alla città"

Il consigliere comunale chiede un confronto con l'Autorità di sistema per rilanciarlo in chiave turistica monitorando la spesa

Guardare allo sviluppo di Reggio Calabria pensando al suo porto e al rilancio della città è l'obiettivo da raggiungere secondo il consigliere comunale di maggiornaza Antonino Castorina che chiede un incontro con l'Autorità di sistema. 

Secondo Castorina l’obiettivo è necessario aprirlo alla città e rilanciarlo in chiave turistica monitorando la spesa.

"Il nuovo masterplan del porto, già presentato in riva allo Stretto dall’Autorità di sistema portuale, - evidenzia il consigliere Castorina -  prevede come l’intera area immutata per estensione possa avere tuttavia elementi ed interventi strutturali che permetteranno una maggiore fruibilità".

"Il Comune di Reggio Calabria pur non avendo una competenza diretta su queste misure ha il dovere di confrontarsi con l’ente attuatore, - sottolinea Castorina -  nella precisa esigenza di immaginare non solo un collegamento diretto e fruibile tra porto e città ma nella chiave di rilancio dell’intera area dello Stretto che vede Reggio Calabria come porta del Mediterraneo".

Ha le idee chiare Castorina e per questo secondo lui è indispensabile "Creare una link stabile tra porto e città, sviluppare un collegamento attraverso la pista ciclabile e potenziare il sistema di sicurezza favorendone la sostenibilità non deve essere solo un obiettivo che si vuole dare a quello che sarà il nuovo porto di Reggio ma una prospettiva concreta per l’intera città che può avere nel porto un luogo di rilancio economico".

"Se da un lato, come avviene nel resto del mondo è necessario un vero e proprio terminal passeggeri  anche nell’ottica crocieristica e dividere la zona in due macro aree destinata da un lato alle crociere e dall’altra alle imbarcazioni da diporto con l’ormeggio degli yacht da subito va immaginato - aggiunge Castorina -  un canale di collegamento pedonale in massima sicurezza tra nord e centro città e che possa trasformare il porto in luogo che sia anche di passeggio e sport all’aperto".

"Rispetto a questi obiettivi sono previste importanti risorse a valere su Legge 178/2020, - conclude il consigliere - la cui spesa va monitorata nella precisa esigenza di rilanciare il nostro porto in chiave turistica, aprirlo alla città e trasformarlo in un vero e proprio portone che si affaccia sul Mediterraneo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, Castorina: "Il nuovo masterplan deve aprirsi alla città"

ReggioToday è in caricamento