Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

Verso il voto, de Magistris: "Alla Calabria serve una scossa, bene il tavolo coi sindacati"

Il candidato alla presidenza della Regione Calabria: "A ottobre, come dico spesso, per la Calabria sarà a tutti gli effetti un referendum per una terra finalmente libera e che (ri)conquista i suoi diritti essenziali"

"Non mi stancherò mai di ripeterlo e di battermi per questo: i diritti alla sanità, all'acqua pubblica, al mare pulito, a un ambiente sano e valorizzato, al lavoro ben regolamentato che sia traino di un'economia equa, giusta e florida, insomma i diritti sanciti dalla Costituzione sono al centro del programma del polo civico che ho l'onore di guidare per andare a governare la Calabria".

Lo ha affermato in una nota, Luigi de Magistris, candidato alla presidenza della Regione Calabria. "Sappiamo bene - aggiunge - che qui il lavoro sia una annosa questione aperta. Operano poche realtà produttive, spesso abbandonate a sé stesse. I giovani che hanno belle ambizioni e spirito d'iniziativa e qui provano a investire sono costretti ad assumere sulla propria pelle il rischio d'impresa o elemosinare favori da questo o quel politico connivente o corrotto.

Per questo accolgo con molto interesse il documento e l'invito dei sindacati Cgil, Cisl e Uil ad aprire un tavolo di confronto con i candidati alla presidenza. Perché, per ideare una seria programmazione sociale ed economica, non si può prescindere dal dialogo con le forze sociali e produttive attive sul territorio".

Il candidato condivide "come rivendicato da Cgil, Cisl e Uil - l'idea di un lavoro giusto, rispettoso delle leggi e immune, a prova di precariato, prevaricazione e ingiustizie, tenendo presente che in questa regione ci sono 80mila posti di lavoro a rischio. Concordo con i sindacati sul fatto che la Calabria ha bisogno di una scossa, di una nuova stagione concorsuale che sia in grado di immettere nella pubblica amministrazione calabrese i tanti nostri giovani di talento, il cui ingresso può essere linfa vitale per spendere le risorse pubbliche nazionali e comunitarie, in quantità e qualità. Ho sempre pensato che la Calabria sia una terra capace di coniugare impresa, diritti di lavoratrici e lavoratori e ambiente, che abbia tutte le competenze e le eccellenze per potenziare il settore produttivo e de servizi.

Ma serve un governo regionale capace di incentivare questi settori anche attraverso sgravi fiscali opportunamente pianificati. Attraverso l'assunzione e la formazione. Servono hub e acceleratori d'impresa per chi vuole investire in progetti sostenibili. Maggiore supporto alle start-up attraverso un più facile accesso ai finanziamenti". 

"A ottobre, come dico spesso, per la Calabria - conclude de Magistris - sarà a tutti gli effetti un referendum per una terra finalmente libera e che (ri)conquista i suoi diritti essenziali, rispetto a una regione suddita del sistema politico mafioso e corrotto che la tiene prigioniera da troppo tempo. Per cui sono ben lieto di accogliere la vostra proposta: incontriamoci presto, confrontiamoci per costruire insieme una Calabria partigiana, dei diritti sociali e del lavoro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso il voto, de Magistris: "Alla Calabria serve una scossa, bene il tavolo coi sindacati"

ReggioToday è in caricamento