menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, Neri diserta di nuovo la Commissione garanzia: la denuncia dell'opposizione

Per i consiglieri comunali "la farsa del Comune continua ad avvantaggiarsi delle posizioni della maggioranza, la quale persiste nel mandare deserta la discussione"

"Il vicesindaco Armando Neri sfugge ancora al confronto nelle sedi istituzionali. Nulla di fatto pertanto per la Commissione garanzia, che anche oggi non ha tutti i numeri per chiarire le posizioni della giunta Falcomatà sulla questione rifiuti". 

Lo affermano in una nota i consiglieri comunali di minoranza che aggiungono: "Dopo essere stata bacchettata dalle opposizioni, la squadra del sindaco si esprime solo attraverso la presenza di Zucco. Il dirigente all’ambiente dunque, ci mette la faccia e per la prima volta viene a discutere in Commissione.

I consiglieri ringraziano la disponibilità, ma i riscontri del comandante della polizia locale con delega all’ambiente, non hanno dato una soluzione concreta al dibattito. Si tratta infatti di risposte generiche che, chiunque potrebbe leggere sui giornali, mentre le opposizioni di centrodestra chiedono risposte compiute al tema dei rifiuti, divenuto ormai materia-chiave della disputa in mezzo alle mille emergenze che soffocano la Città metropolitana". 

Per i consiglieri di opposizione "la farsa del Comune, inoltre, continua ad avvantaggiarsi delle posizioni della maggioranza, la quale persiste nel mandare deserta la discussione. La Commissione infatti ha potuto procedere con i lavori, solo grazie alla presenza compatta dei consiglieri di minoranza. Retto il numero legale, però, l’arcano non si scioglie e la maggioranza dimostra che non ha intenzione di parlare in sede pubblica eludendo l’ufficialità della cosa.

Mancano evidentemente le parole alla maggioranza, che non sa come giustificare l’indegna amministrazione di
questi anni. Falcomatà, il “signore dei lucchetti”, continua a tenere sottochiave i luoghi della democrazia, delegando al singolo dirigente Zucco l’onere di confrontarsi con gli altri rappresentanti istituzionali senza alcun strumento per chiarire la situazione, se non la propria gentilezza".

"E’ palesemente grave -tuonano i consiglieri - già il comportamento di un sindaco che, blinda il senato cittadino e non consente il contraddittorio fra le parti in causa, e questo con il beneplacito dei suoi assessori e consiglieri. Ma è ancora più preoccupante lo stallo in cui versano i servizi della città, già in apnea per le gravi ripercussioni emergenziali del momento. Il sale della buona politica e della democrazia è il confronto, se manca quello siamo di fronte ad uno strappo istituzionale non legittimo oltre a non poter dare risposte serie ai nostri concittadini".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Stanchezza primaverile? Sintomi e rimedi naturali

Cura della persona

Trattamenti estetici per ciglia: la parola al dermatologo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento