rotate-mobile
Il messaggio / Montebello Ionico

Rogo nel cantiere a Montebello, Metrocity: "Il cantiere andrà avanti senza indugi"

Messaggio del sindaco Falcomatà e del vicesindaco Versace per esprimere vicinanza all'impresa Cogeco, bersaglio del vile gesto

Dopo l'intimidazione subìta dall'impresa Cogeco a Montebello Ionico, il vicesindaco metropolitano Carmelo Versace insieme al dirigente del settore lavori pubblici della Città Metropolitana, Lorenzo Benestare, ed al vicesindaco di Montebello Jonico, Giovanni Foti, si è recato sul cantiere per incontrare i responsabili dell'azienda che, su affidamento per conto di Ase, sta svolgendo i lavori.

Anche da parte del sindaco Giuseppe Falcomatà, Metrocity ha voluto far sentire vicinanza alla Cocego e al territorio interessato contro un "gesto criminale che colpisce l'intera comunità".
In una nota stampa, Falcomatà e Versace affermano: "Condanniamo fortemente il vile atto intimidatorio subito dai titolari e dagli operai della Cogeco srl di Taurianova, impegnati nella messa in sicurezza di un costone della strada provinciale Sant’Elia-Fossato che collega Saline Joniche con Fossato Jonico, nel Comune di Montebello Jonico".

Il vile attentato è stato firmato da ignoti, che hanno incendiato alcuni mezzi utilizzati dalla ditta per la realizzazione di un’opera finanziata da Palazzo Alvaro. "Questo gesto criminale – affermano Falcomatà e Versace – colpisce un’intera comunità che, da tempo, attende la messa in sicurezza di un’arteria particolarmente importante. Facciamo appello alle forze dell’ordine affinché, nel più breve tempo possibile, possano dare un nome ed un volto a chi, con queste azioni indegne, lede lo sviluppo dei territori e si accanisce contro i cittadini ed i lavoratori".

"Allo stesso modo – proseguono – giunga la nostra vicinanza ai sindaci dei Comuni su cui ricade il cantiere. A loro, come alle comunità che rappresentano, non faremo mai mancare il nostro pieno sostegno, nel solco di un’attività amministrativa che fa del vivere civile e della lotta contro ogni forma di criminalità il proprio stigma".
"I vigliacchi che sfruttano i favori del buio per compiere questi atti barbari – concludono Falcomatà e Versace – troveranno sempre pane per i loro denti perché noi rifiutiamo le logiche mafiose che sono il cancro della nostra terra. Il cantiere andrà avanti, senza indugi o tentennamenti"

Avviata un'indagine, non è esclusa la mano della 'ndrangheta

Secondo quanto si è appreso e come riporta l'Ansa, gli autori dei danneggiamenti si sono introdotti nel cantiere e hanno incendiato un escavatore e altri mezzi impiegati dall'impresa per la messa in sicurezza di un costone della strada che collega Saline Joniche a Fossato, nel comune di Montebello Jonico.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri che hanno eseguito i rilievi nel tentativo di risalire al movente dell'intimidazione. Avvertita la Procura di Reggio Calabria, è stata avviata un'indagine. Non è escluso che dietro il danneggiamento possa esserci un tentativo della 'ndrangheta di condizionare i lavori pubblici appaltati dalla città metropolitana di Reggio Calabria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rogo nel cantiere a Montebello, Metrocity: "Il cantiere andrà avanti senza indugi"

ReggioToday è in caricamento