Mercoledì, 17 Luglio 2024
Il messaggio / San Lorenzo

San Lorenzo, il benvenuto dei consiglieri di maggioranza dimissionaria al commissario

In una lunga lettera, l'ex vicesindaco Polimeni ripercorre il lavoro amministrativo portato avanti e augura buon lavoro a Lorenzo Picone

Un messaggio di benvenuto, gli auguri di buon lavoro e la massima disponiilità a collaborare. Così il gruppo consiliare di maggioranza dimissionario del Comune di San Lorenzo ha avuto approcciarsi al commissario prefettizio Lorenzo Picone, che si è insediato nella casa comunale due giorni fa. Nella lunga lettera a Picone firmata da Natale Polimeni, Domenico Pannuti, Paolo Scaramozzino e Lorenzo Spizzica, si ripercorre anche il lavoro amministrativo del gruppo e i motivi delle dimissioni collettive che hanno condotto allo scioglimento del consiglio e la conseguente decadenza della giunta Floccari. 

Scrive Natale Polimeni in qualità di ex assessore, vicesindaco e portavoce del gruppo di maggioranza dimissionario: "Benvenuto dottore, sotto tutti gli aspetti. Per la stima che io ho nei suoi confronti, in quanto punto di riferimento fondamentale dell’ufficio Eeale presso la Prefettura di Reggio Calabria. E perché siamo sicuri che il Suo senso delle Istituzioni e del dovere, porterà sicuramente giovamento al nostro martoriato Comune". 

Continua la lettera: "Vede dottore, quando ti candidi ad amministrare un consesso, a queste latitudini, lo fai per due  fondamentali motivi : o sei pazzo o sei innamorato follemente della tua terra e delle tue radici. Sacrifichi la tua vita privata, i tuoi affetti, il tuo lavoro, al servizio totale del cittadino e delle Istituzioni e se invece di ricevere quegli spiccioli che sono gli emolumenti spettanti, ci rimetti continuamente di tasca propria, se devi rincorrere i dirigenti per qualunque cosa per garantire un servizio idrico decente al cittadino, questo è amore per i tuoi luoghi. Le dico questo - aggiunge - perché, senza timore di smentita, eravamo noi ad essere presenti sul territorio a qualunque ora del giorno e della notte, noi a sporcarci le mani. Noi e nessun altro!"

Tante, ricorda Polimeni, le questioni da affrontare, tra cui la carenza di personale nei principali uffici e nel settore manutenzione. E la passione del gruppo si è infine infranta perché "il continuo rincorrere tutto e tutti da parte del sindaco, di noi assessori e consiglieri tutti, ci portava, spesso e volentieri, a tensioni e nervosismi, anche tra noi stessi".

Nella lettera si racconta anche delle vicende che hanno portato alle dimissioni e si spiega: "Quando ti rendi conto di non avere gli strumenti adatti ad affrontare gli impegni assunti con la cittadinanza, che da te si aspetta la tanto agognata svolta, quando anche l’ordinario diventa straordinario, quando hai senso di responsabilità, meglio affidarsi alle istituzioni prima di perdere molti finanziamenti che avrebbero inciso enormemente sulle casse comunali con un probabile nuovo dissesto".

Polimeni e i consiglieri di maggioranza rivendicano il loro "attaccamento alla terra e non certo alla poltrona", testimoniato dal lavoro svolto, e per questo sottopongono a Picone alcuni progetti urgente e in itinere, già finanziati. Per citare qualcuno dei temi posti all'attenzione del commissario, ci sono lo scuolabus in officina; la mensa scolastica; gli assistenti educativi; i percorsi eco-sostenibili dell’ Amendolea con uno stanziamento di 400.000 euro; il finanziamento annualità 2022 destinato alle scuole di Marina di San Lorenzo e Chorio di 27.095 euro complessivi; il finanziamento della protezione civile con ordinanza 558 /2017 di 60.000 euro.; il finanziamento Spiagge sicure di 14.000 euro; il completamento della palestra a Marina di San Lorenzo; il finanziamento con comune capofila Roghudi per la realizzazione di un centro sportivo polivalente a Chorio di San Lorenzo; i giochi da installare nella frazione San Pantaleo in piazza Fontana .

San Lorenzo lì 29 settembre 2023

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Lorenzo, il benvenuto dei consiglieri di maggioranza dimissionaria al commissario
ReggioToday è in caricamento