Vertenza Gicap, vertice a Palazzo Alvaro, De Stefano: "E' un primo passo ma la strada è lunga"

L'incontro tra il sindaco e i rappresentati sindacali di Uiltucs, sulla delicata situazione che interessa 85 dipendenti reggini dell'azienda siciliana

Palazzo Alavro

Il grido di dolore degli 85 dipendenti Gicap è stato finalmente ascoltato. La sollecitazione della Uiltucs alle istituzioni ha avuto un primo effetto. Così la segretaria provinciale della Uiltucs Sabrina De Stefano a margine del vertice di Palazzo Alvaro con il primo cittadino metropolitano Giuseppe Falcomatà sulla vertenza “Gicap”.

"Siamo soddisfatti per l’essere stati ricevuti dal sindaco Falcomatà, ma la strada è ancora lunga. Bene che abbia espresso solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie comprendendo il momento drammatico che stanno vivendo. Così come la sua testimonianza della consapevolezza che il lavoro in una realtà come Reggio sia vitale e vada difeso ad ogni costo, specialmente in uno dei settori strategici per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio come il commercio".

"E il suo impegno a fare il massimo secondo le proprie prerogative e possibilità, in primis con la riapertura di un apposito tavolo tecnico in Prefettura con aziende e curatori e con l’informarsi direttamente presso l’Inps su come sbloccare l’erogazione della cassa integrazione. Ma saremo veramente appagati quando questa vicenda finalmente si risolverà in modo positivo". 

"Al sindaco abbiamo spiegato come i preoccupati ed esasperati 85 abbiano solo ricevuto qualche saldo di stipendio da dicembre e come l’invio incompleto della documentazione all’Inps per la cassa integrazione da parte dei gestori dell’azienda non abbia portato alla sua erogazione. E gli abbiamo raccontato del futuro occupazionale incerto, visto che lo scorso maggio i 42 punti vendita siciliani “Gicap” sono passati a “Like Sicilia”, azienda facente parte del gruppo “Apulia”, ma non i 9 reggini, poiché la società vuole prenderne solo 3 per un massimo di una quarantina di lavoratori" afferma la sindacalista.

"A Falcomatà abbiamo ribadito come l’azienda non possa più scherzare con la vita dei lavoratori e delle rispettive famiglie ed auspicato che questa, se ha il coraggio di un progetto imprenditoriale autorevole che consenta il mantenimento di tutti gli 85 posti di lavoro, faccia una proposta seria e concreta senza calpestare la dignità dei lavoratori o che lasci spazio ad altri che vogliono creare sviluppo e dare lavoro. Non si possono perdere posti di lavoro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E non se ne possono “salvare” alcuni e “condannare” altri. Chiediamo che si risolva la questione dell’ammortizzatore sociale e a “Like Sicilia” una risposta chiara ed immediata, al giudice di aiutarci in questa operazione e ai curatori di aprire eventualmente ad altri eventuali imprenditori. E alle istituzioni, fra i quali il sindaco Falcomatà che ringraziamo per sensibilità e disponibilità, di fare il massimo nella vertenza Gicap e di accendere i riflettori su un comparto fondamentale come il commercio, dichiarandoci sin da subito a dare il nostro contributo come fatto finora" è la conclusione della De Stefano. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • "Cemetery boss", i nomi degli arrestati: c'è anche il dirigente dei servizi cimiteriali

  • Le mani della 'ndrangheta sul cimitero di Modena e sugli appalti edili in città

Torna su
ReggioToday è in caricamento