rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
L'iniziativa / Oppido Mamertina

Lotta al cyberbullismo, l'istituto Oppido-Molochio-Varapodio a confronto con Bartolomeo

Incontro voluto dalla dirigente scolastica, Francesca Maria Morabito e organizzato dalla referente, professoressa Patrizia Crispino

Continua, presso l’Istituto comprensivo Oppido-Molochio-Varapodio, la campagna di sensibilizzazione e contrasto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, fortemente voluta dalla dirigente scolastica, Francesca Maria Morabito, ed organizzata dalla referente, professoressa Patrizia Crispino.

Dopo l’incontro con il sociologo Antonio Marziale e la psicologa Menita Crucitti (che avevano parlato ai ragazzi rispettivamente di cyberbullismo e di body shaming), venerdì scorso, presso il salone teatro del plesso di Oppido Mamertina, tutte le classi seconde e terze della scuola secondaria di I grado, hanno chiacchierato con lo scrittore Christian Bartolomeo, che ha anche presentato il suo ultimo lavoro, il romanzo “Passi a perdere”.

L’incontro ha visto protagonisti, oltre che l’autore del libro, lo psicologo Ezio Romano, il presidente dell’associazione socio-culturale “Arte che Parla”, Simona Mileto, e l’insegnante Maria Grazia Zappia.

Partendo dalla lettura di alcuni brani del volume, Bartolomeo ha spiegato ai ragazzi il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, invitandoli, in maniera molto diretta, a riflettere anche sul cattivismo che oggi c’è nella nostra società; ha spronato i giovanissimi studenti a considerare come la solitudine delle nuove generazioni li porta spesso a rifugiarsi nel mondo digitale e "da questo mondo – ha detto Bartolomeo - occorre a volte difendersi".

Lo scrittore – originario della Sicilia ma che oggi vive a Gioia Tauro - e Romano, hanno proprio dialogato con i ragazzi i quali, spronati anche dalla Mileto e dalla Zappia ad intervenire, hanno rivolto ai due professionisti alcune domande di vero e proprio “comportamento” pratico da tenere di fronte ad alcune situazioni che, a volte, si trovano a vivere nella vita reale o sui social. A conclusione Bartolomeo ha invitato gli alunni a parlare sempre con genitori, docenti, educatori ed anche fare riferimento alla autorità, senza mai tenersi dentro dubbi o, ancor peggio, dolore per una qualche esperienza di bullismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta al cyberbullismo, l'istituto Oppido-Molochio-Varapodio a confronto con Bartolomeo

ReggioToday è in caricamento