rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
social Palmi

“Migliore stabilimento balneare Calabria”: stravince Palmi, sul podio anche Reggio settore beverage

Ecco chi entra a far parte della “Guida ai migliori beach club d’Italia”

L’Italia dei beach club non ha più segreti, grazie all’uscita della prima guida, edita da Morellini (Milano), dedicata al mondo degli stabilimenti balneari. Questa selezione è il risultato di un viaggio di oltre novemila chilometri attraverso tutta la costa italiana, lungo cinque mari e quindici regioni, per un totale di 225 strutture che rappresentano il meglio dell’offerta in ogni ambito.

A compiere questo viaggio sono stati i curatori della guida, il giornalista Andrea Guolo e l’attrice Tiziana Di Masi nel ruolo di consulente esperienziale. Ogni scheda racconta l’esperienza, il mood e l’unicità del beach club visitato. L’attribuzione di un voto espresso in centesimi per ciascun criterio – location, servizi, design, food, beverage e mood della struttura – ha dato origine alla graduatoria finale, da uno a tre ombrelloni.

La Calabria è ben rappresentata nella prima edizione della guida con 12 stabilimenti balneari. Tra questi, la valutazione più alta è stata assegnata a una struttura di Palmi. Si tratta di Lido Tahiti, struttura gestita dalla famiglia Parisi.

La motivazione del premio? “Se lo vedi ti innamori, se lo provi crea dipendenza. Il Tahiti si trova davanti allo ‘scoglio dell'isola’ e alle spalle di una torre saracena. Nasce nel 1965, da allora è sempre stato gestito dalla famiglia Parisi e oggi è diretto da Domenico Parisi, imprenditore lungimirante che ha posto la qualità come pilastro, contenendo i prezzi e riuscendo a fare del Tahiti e del suo ristorante, Il Fico Pietrenere, un luogo di assoluto riferimento per la Calabria intera. Tra i plus, spicca l’apertura tutto l'anno, spiaggia compresa, che impone Tahiti come esempio a livello nazionale”.

Oltre al vincitore assoluto, sono stati assegnati cinque premi speciali suddivisi per categoria. A imporsi nella ristorazione, conquistando il Cà Maiol Award - Best beach restaurant Calabria 2024, è Cactus Club a Locri, per il menu inclusivo (con una linea dedicata gluten free) e per i dolci fatti in casa come il tartufo nocciolato all’amarena. Il premio San Greg by Feudi di San Gregorio Award per il miglior design è invece andato a Buddha Beach di Praia a Mare, caratterizzato dalla presenza di pagode, pergole e baldacchini allestiti in tutta la spiaggia di ciottoli, davanti all'isola di Dino e alle sue grotte tutte da esplorare. Il premio per la qualità e la sostenibilità messo in palio da Audit People è stato conquistato da Storie di Mare a Sibari, beach club concepito con la logica multiservizi e con la filosofia dell'accoglienza, ampia offerta di servizi (tra cui una piscina) e animali ben accetti.

È invece Piro Piro a Reggio Calabria ad aver conquistato il premio per il miglior beverage, forte della sua cantina eccellente e di una mixology che esalta le tipicità calabresi degli spirits. La miglior location? Per gli autori della guida è Blanca Cruz a Caminia, che si insedia in una baia dal mare cristallino e in un sito dall'importanza storica, perché qui si trova la grotta di San Gregorio dove, secondo la leggenda, Re Italo, sovrano degli Enotri, diede il nome all'Italia.

“Guida ai migliori beach club d’Italia 2024” è un progetto editoriale unico nel suo genere e che va a coprire un canale finora scoperto nonostante la sua importanza economica e sociale nel periodo estivo. Inoltre, ha una valenza multimediale: dalla guida nascono il sito italianbeach.club e i canali social collegati. Il sito, disponibile anche in lingua inglese, si pone come punto di riferimento per la ricerca degli stabilimenti balneari da parte dei turisti internazionali che vengono a visitare l'Italia.

La guida si rivolge naturalmente ai beach lovers ma può essere anche un utile strumento di confronto per gli operatori del settore che, per la prima volta, hanno a disposizione una mappa dell'offerta completa, e anche per le istituzioni, in vista dell'applicazione della direttiva Bolkestein.

“Questa guida è uno strumento originale” spiegano gli autori “inedito e indispensabile per chi ama il mare, la vita di spiaggia con tutti i migliori servizi, l'aperitivo al tramonto, un ottimo piatto di pesce degustato con i piedi sulla sabbia, un cocktail preparato a regola d'arte o un buon calice di vino. E per chi vuole scegliere le strutture di eccellenza, quelle più glamour ma anche quelle più antiche dove sono state scritte pagine di storia delle vacanze in Italia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Migliore stabilimento balneare Calabria”: stravince Palmi, sul podio anche Reggio settore beverage

ReggioToday è in caricamento