rotate-mobile
social

“L’infinito fra le nuvole”, in radio il primo singolo dell'artista reggina Musa

Conosciamo meglio Valentina Mazza e il suo brano che racconta l'amore verso un genitore

Valentina Mazza, in arte Musa, arriva in radio con il primo singolo “L’infinito fra le nuvole”. Il primo singolo dell’artista reggina Valentina Mazza è un brano pop da lei scritto e composto, dedicato all’uomo più importante della sua vita, il padre. Spinta dalla paura di perderlo, a seguito di un terribile periodo di sofferenza, l’artista ha voluto trasmettere tutte le sue emozioni, i sentimenti e le avversità provate, ma allo stesso tempo racconta anche la bellezza di un amore infinito verso un genitore.

La canzone è disponibile nelle principali piattaforme digitali per Fry Music Records. Valentina Mazza in arte Musa, nasce a Reggio Calabria. Da bambina, suona i primi accordi e canta le canzoni. Giovanissima, inizia il suo percorso musicale come autodidatta, dedicandosi al canto e al pianoforte.

La sua passione verso la musica, la spingono in seguito verso un vero e proprio studio delle discipline. Inizia così per lei la conoscenza del mondo musicale, per il quale comprende ben presto, che non avrebbe potuto più farne a meno.

Ha partecipato ai casting nazionali di: The coach e X-Factor. Musa, energica, creativa ed estroversa ma allo stesso tempo molto sensibile e romantica, si fa conoscere al pubblico, grazie a queste sue qualità, trasmettendo grandi emozioni attraverso la sua voce.

La sua attività artistica, la vede presente sul territorio nazionale con i suoi live e le sue performance. Nel 2020, con l’arrivo del Covid-19, il mondo musicale subisce un periodo di pausa ma non per l’energica cantante, così come molti artisti, che decidono di iniziare un nuovo progetto musicale; infatti è questo il momento giusto per creare qualcosa di personale. Nasce il primo singolo di Musa: “L’infinito fra le nuvole”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“L’infinito fra le nuvole”, in radio il primo singolo dell'artista reggina Musa

ReggioToday è in caricamento