rotate-mobile

VIDEO| E voi conoscete la storia di Scilla? L'affascinante leggenda raccontata da Bellantoni con la sua ironia contagiosa

Ecco il nuovo contenuto che piace al web

Continua il viaggio social alla scoperta del territorio reggino ad opera del creator digitale Massimo Bellantoni. Non solo immagini mozzafiato e video che immortalano i luoghi suggestivi, c'è spazio anche per conoscere la storia di questi luoghi. A piacere al popolo social, infatti, anche i contenuti che raccontano curiosità dei luoghi circostanti e dei suoi protagonisti. In questo video è toccato alla leggenda di Scilla che ha appassionato la letteratura di tutti i tempi.

Nel video Bellantoni esordisce dicendo? "La conosci la storia di Scilla? Ma non 'ndisti a scola? Sceccu". E nell'esilarante video viene spiegata, con una buona dose di allegria, l'affascinante storia che riguarda lo Stretto di Messina.

Scilla era una ninfa bellissima con occhi azzurri che era solita fare il bagno nel mare di Zankle l'attuale Messina, purtroppo una sera incontro Glauco. Quest'ultimo  si innamorò perdutamente di lei e dichiarò il suo amore, ma Scilla quando vide Glauco si impaurì perchè era mezzo uomo e mezzo pesce e si nascose in una rupe vicino al mare. Nonostante sia stato rifiutato da Scilla Glauco non si arrese e si recò dalla maga Circe per farsi preparare  una  pozione d'amore. In realtà però Circe era innamorata di Glauco  e si era dichiarata a lui ma venne rifiutata.

Il rifiuto  ricevuto dalla maga Circe era per lei inaccettabile e dunque anzichè la porzione d'amore decise di preparare una pozione contro Scilla e di gettarla nel mare di Zankle dove lei andava a fare bagno. Scilla infatti quando si immerse nelle acque  cominciò a trasformasi e  le sue gambe cominciarono a crescere e ad assumere la forma di un serpente e intorno al suo ventre apparvero sette teste di cane e dunque diventò un orribile mostro.

Non riuscendo ad accettare il suo aspetto terribile si nascose sotto uno scoglio dentro al mare e lì conobbe Cariddi. "Ma questa di Scilla e Cariddi è un 'altra storia - aggiunge Bellantoni - se ti è piaciuto questo video segui un presentatore e lascia un like se non ti è piaciuto statti a casa".

Video popolari

ReggioToday è in caricamento