Nuoto e prevenzione, Alberto Sassoli attraverserà lo Stretto per sensibilizzare sull'ictus

L'iniziativa porta 30 nuotatori ad affrontare il mare che divide Calabria e Sicilia con l'obiettivo di sottolineare l'importanza della prevenzione

Alberto Sassoli

Sensibilizzare la gente su un tema delicato attraverso lo sport è sempre e comunque una buona idea. Se ci si trova sul territorio dello Stretto non c'è niente di meglio di una traversata a nuoto dalla sponda siciliana a quella calabrese. Il suggestivo mare che separa le due regioni attira stabilmente numerosi appassionati e curiosi. A tal proposito ,l'iniziativa di Alberto Sassoli, in relazione al ricordo della madre scomparsa a causa di un ictus, sarà sicuramente ben seguita dal pubblico.

Mercoledì 12 giugno Sassoli, insieme ad altri 30 nuotatori, partirà da Capo Peloro in Sicilia per poi raggiungere Cannitello a Villa San Giovanni. La manifestazione si pone l'obiettivo di sottolineare l'importanza della prevenzione dell'ictus. La malattia in questione ha fatto registrare in Italia ben 150 mila casi, con un tasso evidentemente molto elevato di invalidità. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa nella serata finale di Festa Madonna: diverse persone finiscono in Questura

  • Inizio anno scolastico, mancata nomina assistenti disabili: l'intervento di Marziale

  • Assistenti educativi in protesta, Nucera: "Il servizio partirà dopo la prima settimana di ottobre"

  • Prende forma la Polisportiva Giulio Campagna, società pronta a durare nel tempo

  • Brancaleone, incidente tra auto e pulmino: un morto e due feriti

  • Stretta dei Nas sul territorio: sequestrata una clinica e locali chiusi in provincia

Torna su
ReggioToday è in caricamento