rotate-mobile
Altro

Dopo un anno intenso chiude il progetto Reggio Resiliente "I Love Sport"

L'iniziativa nasce per promuovere e sostenere interventi di inclusione e coesione sociale, proposti da soggetti del terzo settore attivi nel territorio comunale

Con la trasferta romana si conclude il progetto Reggio Resiliente “I Love Sport” finanziato da fondi Pon Città Metropolitane 2014-2020. Programmata da tempo, la visita a Papa Francesco, è il regalo che l’associazione Reggio Sporting Club, rappresentata da Antonio Girella, ha realizzato per i bambini partecipanti al progetto.

Durante la due giorni nella Capitale, l’intero gruppo ha visitato lo Stadio Olimpico e il Parco Sportivo Foro Italico grazie alla fattiva collaborazione di Walter Malacrino coordinatore regionale Calabria di “Sport e Salute” che si è immediatamente attivato con la sede centrale contattando il direttore del territorio Lorenzo Marzoli il quale ha messo a disposizione i tagliandi d’ingresso delle varie strutture dove la delegazione reggina ha potuto assistere anche ad alcune gare del campionato internazionale di nuoto.

Il progetto nasce per promuovere e sostenere interventi di inclusione e coesione sociale, proposti da soggetti del terzo settore attivi nel territorio comunale, volti ad animare e rigenerare luoghi e comunità connotate da fragilità socio-culturale, tramite la realizzazione di attività e/o l'insediamento di servizi prioritariamente nelle aree periferiche o marginali (aree bersaglio) del territorio comunale. 

Grazie al connubio Sport e Salute, in attesa degli ultimi dati in fase di elaborazione, numerosi bambini con problemi di carattere sociale, hanno beneficiato di corsi gratuiti all’interno delle società sportive che hanno collaborato per la buona riuscita del progetto.

"E’ stato un anno intenso che ha visto protagonisti i circa cento bambini che hanno preso parte all’iniziativa" dichiara la coordinatrice Eliana Rugolo che aggiunge: "Un profetto importante che ha visto la partecipazione di diverse società sportive a cui vanno i nostri ringraziamenti, oltre al sindaco ff del Comune di Reggio Calabria Paolo Brunetti, all’assessore al welfare e politiche della famiglia Demetrio Delfino, al consigliere comunale con delega allo sport Giovanni Latella e al dirigente del settore welfare Francesco Barreca.

Il nostro obiettivo – prosegue - è dare continuità a quanto fatto in questo anno, nelle scorse settimane abbiamo incontrato i referenti del Comune di Reggio Calabria affinchè il progetto stesso possa essere replicato. L’iniziativa ha visto la fattiva collaborazione del Tribunale dei minorenni di Reggio Calabria e di diverse associazione che già svolgono questa attività su territorio.

Un ringraziamento speciale – conclude Eliana Rugolo - al dott. Domenico Minasi, primario del reparto pediatria Gom Reggio Calabria, la dott.ssa Marilena Lia, sirigente medico del reparto pediatria del Gom Reggio Calabria, la dott.ssa Rita Tutino, psicologa, la dott.ssa Vanessa Polimeni, biologo Nutrizionista, il dott. Renato Capurro, presidente provinciale di Medicina dello Sport che si sono occupati a 360° della salute dei bambini".

Soddisfatto per quanto fatto in questo anno, il coordinatore Francesco Battaglia: "Personalmente devo ringraziare tutti i genitori che in questo anno ci hanno supportato. La loro disponibilità è stata fondamentale, ci ha permesso di svolgere al meglio e senza intoppi il nostro lavoro a sostegno di tutti i bambini che hanno preso alle iniziative organizzate durante i dodici mesi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo un anno intenso chiude il progetto Reggio Resiliente "I Love Sport"

ReggioToday è in caricamento