rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Altro

In nome della vela, gemellati i circoli velici di Reggio Calabria e Salò

"E’ in programma dotare i due circoli di imbarcazioni da utilizzare come charter, in modo da consentire ai due “team” di allenarsi durante tutto l’anno, sul Garda o sullo Stretto, uniti da un rapido trasporto aereo"

Due città: Salò e Reggio Calabria. Differente cultura, storia e tradizioni. Diverso contesto geografico ed economico.
Eppure i due Circoli velici delle due città, il Canottieri Salò e il Velico Reggio, si incontrano, praticano ad alto livello la vela e il canottaggio e prospettano, in un gemellaggio, visioni di sviluppo in termini di cultura, di turismo e ovviamente di potenziamento delle attività sportive.

"Un sottile, ma robusto filo della memoria lega le due città - spiega una nota - e il nome che li accomuna è quello del “vate” Gabriele D’Annunzio. A Salò, a Gardone, risiede lo storico parco del Vittoriale degli Italiani, dimora del poeta, luogo sacro per l’irredentismo e l’amore di patria. Reggio Calabria replica, nel nome di D’Annunzio, con il suo Lungomare, uno dei luoghi più suggestivi d’Italia, la cui definizione “il più bel chilometro di Italia”, è attribuita al poeta.
Molte le similitudini geografiche e dei splendidi paesaggi comuni.

E’ sufficiente ricordare che chi si affaccia, all’imbrunire, sul Lungomare di Reggio o sul lungo lago di Salò, rivede lo stesso paesaggio con le luci riflesse delle due sponde delle coste e ammira il colore azzurro intenso delle acque.
Tutto questo diviene realtà presente nel documento di gemellaggio, che non è solo di amicizia, ma che, attraverso i due circoli velici, sono previsti scambi sportivi che ci portano diritti al futuro, culturale e sportivo, legato ai due specchi d’acqua. L’uno è un mare, l’altro un lago, ma sono uniti, stabilmente, dall’amore per la disciplina della vela.

Le città non è solo storia, ma è fatta di persone, di passioni, di uomini e di donne. E tra le persone dei due circoli che è nato il gemellaggio. E’ in programma dotare i due circoli di imbarcazioni da utilizzare come charter, in modo da consentire ai due “team” di allenarsi durante tutto l’anno, sul Garda o sullo Stretto, uniti da un rapido trasporto aereo.
Due storie, due marinerie, un unico DNA, un sogno che si realizza. Ovviamente con la vela".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In nome della vela, gemellati i circoli velici di Reggio Calabria e Salò

ReggioToday è in caricamento