Domenica, 26 Settembre 2021
Calcio

C’è da migliorare, ma Reggina in crescita: 2-0 al Lamezia

Montalto di testa nel primo tempo e Loiacono in mischia nella ripresa regalano la vittoria nella partita amichevole contro i lametini di Serie D. Ancora da sistemare i meccanismi difensivi e la fase d’impostazione

Buon test quello dello stadio Guido D'Ippolito per la Reggina di mister Aglietti in termini di indicazioni da annotare sul taccuino. Allenatore che ha potuto verificare la condizione di alcuni giocatori visti poco all’opera nell’avvio di stagione, valutare in azione un paio di nuovi arrivati e migliorare gli autonomismi tattici di una squadra ancora in costruzione sotto tale punto di vista. L’avversario, il Fc Lamezia Terme, è uscito a testa alta dalla partita e con la consapevolezza che in Serie D potrà ampiamente dire la sua. Il risultato, di poca importanza, è di 0-2 con un gol per tempo firmati Montalto e Loiacono.

Un primo momento d’incertezza in cui la Reggina sembrava essersi fatta sorprendere da un avvio scoppiettante del Lamezia ha, poi, lasciato spazio ad una partita in largo controllo da parte degli amaranto. Crisetig e compagni decidono quando mantenere basso il ritmo e quando, invece, assestare delle accelerate. In mezzo si riescono comunque ad inserire i lametini, pur mancando negli ultimi e decisivi metri.

Aglietti sarà soddisfatto di alcuni meccanismi in fase offensiva. La ricerca delle fasce con i terzini a scendere fino al fondo rappresenta, ad esempio, una costante e soprattutto Lakicevic ha dato prova della sua ottima forma. Ha, quindi, funzionato tutto per la Reggina? No, anzi sono emersi i soliti problemi soprattutto nel primo tempo. Giusto ribadire che si tratta pur sempre di un’amichevole quindi l’asticella dell’attenzione non è sempre stata alta, ma come riscontrato in alcuni frangenti delle partite ufficiali giocate fin qui, gli amaranto hanno ancora delle lacune in fase difensiva e degli errori tecnici in impostazione che limitano non poco la manovra. Attaccanti che, poi, non vengono coinvolti con costanza, eccezion fatta per i cross dal fondo,  unica vera soluzione tattica attualmente ben definita della Reggina. 

Migliorare si può ed è anche normale che nella fase iniziale dell’annata ci siano dei lati non convincenti, ma gli esami non finiscono mai e dietro l’angolo c’è il derby calabrese contro il Crotone che attende gli amaranto.

Occupandoci dei singoli, invece, troviamo le ottime prestazioni di Liotti e Lakicevic. Due terzini che lavorano molto in fase offensiva e incidono non poco nei due gol e con dei movimenti ben riusciti nello scrigno tattico del 4-4-2. Da rivedere, invece, la coppa Montalto-Galabinov che per caratteristiche non funziona ottimamente. Sottotono anche le prove di Bellomo e Ricci, mai realmente nel vivo del gioco. Bene Tumminello, entrato dalla panchina con il giusto piglio.

Scelte di formazione

Soffermandoci maggiormente sulla compagine ospite, la Reggina di mister Aglietti si presenta con il solito 4-4-2 come modulo base in partenza. Da segnalare la scelta di mandare in campo fin dal 1' Regini in difesa e Bellomo esterno. Il primo deve ancora entrare a pieno nel ritmo partita e l'amichevole odierna gli servirà. Il secondo, invece, ha bisogno di dare il massimo per scalare le gerarchie che al momento lo vedono dietro. Coppia inedita in attacco con il duo Montalto-Galabinov, due punte di peso a differenza di quanto visto fino al momento in stagione. L'allenatore amaranto cerca, dunque, importanti indicazioni sia sul piano tecnico che per il lato tattico.

Sponda Lamezia, troviamo diverse vecchie conoscenze della Reggina. Partono da titolare Ciccio Salandria, in amaranto per 63 presenze di cui 5 nella stagione dell'ultima promozione in Serie B, ma anche Aldo Bezzon e Giuseppe Maimone cresciuti nel vivaio del Sant'Agata. La panchina, invece, annovera altri giovani già sentiti dalle parti di Reggio, ovvero Angelo Rechichi e Alessandro Provazza.

Primo tempo discontinuo

Parte subito forte il Lamezia con l'attaccante argentino Haberkon, cogliendo di sorpresa la difesa amaranto. Per vie centrali il calciatore della formazione di casa entra in area e calcia, trovando la risposta attenta di Micai. Lametini che nel giro del 1' di gioco riescono anche a battere due calci d'angolo - che saliranno a 3 in 8' - dimostrando aggressività e alto ritmo.

Passa il tempo e la Reggina prende forma e campo, fino ad arrivare all'11'. Lakicevic scende sulla fascia destra, guadagna il fondo e crossa con una splendida pennellata a pescare al centro dell'area uno smarcato Montalto. Colpo di testa per l'attaccante siciliano e palla in rete. Arriva, quindi, con un'azione tanto cara ad Aglietti il primo gol della gara.

Il Lamezia non sta a guardare, si fa preferire sul piano del gioco nella seconda metà della frazione, continua a battere calci d'angolo a ripetizione e proprio da tale calcio piazzato al 27' è Maimone ad impensierire pericolosamente Micai. Palla al limite dell'area, stop e tiro terminato poco alto sopra la traversa.

Secondo tempo utile

La Reggina è determinata fin dal primo istante della ripresa. Due tiri in rapida successione di Bellomo e Liotti sono solo il preludio del gol che arriva al minuto 52. Calcio di punizione dalla sinistra battuto da Liotti, palla deviata in mezzo verso la porta e ottima respinta di D'Andrea. Sulla ribattuta si fionda da pochi passi Loiacono, che spinge facilmente in rete per il gol dello 0-2.

Sempre funzionante l'asse esterno. Nel primo tempo con Lakicevic, adesso con Loiacono e Liotti. In particolare è quest'ultimo sulla sinistra al 58' a trovare il cross al centro per Tumminello. L'attaccante amaranto si coordina bene ma piazza il pallone centrale tra le braccia di D'Andrea.

Il Lamezia batte un colpo niente male al 70', quando Vitolo tenta il tiro a giro dal limite dell'area. Palla uscita davvero di poco e gol sfiorato dai gialloblu.

Tabellino

FC Lamezia Terme (4-3-3): D'Andrea (46' Gentile (82' Martino), Miliziano (82' Carubini), Nocerino (82' Talarico), Camilleri (60' Rechichi), Tipaldi (60' Amendola); Maimone (46' Vitolo), Salandria (72' Ferrara), Bezzon (46' Bernardi); Da Dalt (46' Provazza), Haberkon (46' Umbaca), Russo (46' Verso (82' Trotta). A disposizione: Tringali. Allenatore: Erra.

Reggina (4-4-2): Micai (60' Lofaro); Lakicevic (46' Loiacono), Regini (46' Amione), Stavropoulos (46' Cionek), Di Chiara (46' Liotti); Ricci (60' Ejjaki), Hetemaj (46' Bianchi), Crisetig (46' Gavioli), Bellomo; Galabinov (46' Menez), Montalto (46' Tumminello). Allenatore: Aglietti.

Arbitro: Alessandro Femia di Locri. Assistenti: Andrea Galluzzo di Locri e Domenico Zappino di Vibo Valentia.

Marcatori: 11' Montalto (R), 52' Loiacono (R).

Note - Ammoniti: .Calci d'angolo: 7-5. Recupero: 1' pt, 3' st.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C’è da migliorare, ma Reggina in crescita: 2-0 al Lamezia

ReggioToday è in caricamento