Martedì, 19 Ottobre 2021
Calcio

Pordenone-Reggina, il possibile 11 amaranto: rebus turnover

Fischio d’inizio oggi alle 20:30 allo stadio Teghil di Lignano Sabbiadoro. Possibile che Aglietti faccia rifiatare diversi elementi, considerando le tre partite in sette giorni

Calendario intasato, dunque primi delicati esami da dover passare. Una sorta di stress test per l’intera Serie B, alle prese con il turno infrasettimanale numero 1 dell’anno. La Reggina, dopo aver ben figurato e vinto contro la Spal, farà visita al Pordenone nella sfida di questa sera alle 20:30 dello stadio Guido Teghil di Lignano Sabbiadoro.

Ancora imbattuti in campionato, una grande prova di forza sul piano mentale e del gioco con la Spal e la consapevolezza di giocare per Massimo Bandiera. Un lutto che ha colpito gli amaranto nelle scorse ore e che adesso dovrà trasformarsi in motivazione in più sul campo per omaggiare nel migliore dei modi la figura di un uomo buono sempre vicino alla Reggina.

La probabile formazione amaranto è e resterà un rebus fino all’arrivo delle distinte ufficiali. La conferenza pre gara non si è svolta, onorando così i due giorni di silenzio stampa per la scomparsa di Massimo Bandiera. Già le indicazioni arrivate nel post Spal, però, lasciavano presagire a qualche ricambio contro il Pordenone. “Far rifiatare qualcuno importante sì, ma tutti sono dentro al progetto e quando hai tre gare in una settimana ci sta di fare qualche cambio", dichiarava Aglietti. Tradotto, non vedremo la conferma totale di tutti i giocatori che sono scesi in campo dal 1’ contro la Spal. Due le assenze da dover considerare, anche se erano abbastanza scontate: Adjapong e Menez, ancora fermi ai box per infortunio.

La porta, senza grandi dubbi, sarà affidata a Micai che ha ancora in corpo la rabbia agonistica di aver parato un rigore poi cancellato. Davanti all’estremo difensore appare quasi impossibile togliere Cionek, l’uomo più in forma dell’intero reparto. A rifiatare tra i centrali, invece, potrebbe essere Stavropoulos, uno dei pochi non brillanti contro la Spal. Al suo posto è duello tra Loiacono e Regini, con il secondo leggermente favorito. Liotti scalpita come terzino sinistro e lascerebbe in panchina il titolare Di Chiara, uscito leggermente acciaccato nell'ultima partita. Lakicevic sulla destra, invece, è pronto agli straordinari.

Bianchi, in una situazione in cui il turnover è possibile, non può che sperare in un impiego dal 1’. Hetemaj, potrebbe lasciargli il posto, con conferma di Crisetig. Sulle fasce, invece, Laribi è pronto a dare il campo a Bellomo, mentre Ricci appare confermato. Le soluzioni alternative, però, abbondano. Tra esterni e seconda punta va ad inserirsi anche Rivas, che a seconda della posizione potrebbe andare a cambiare tutte le scelte. Il suo utilizzo dal 1' è quasi scontato. Se dovesse andare in corsia sinistra sarebbe il 10 barese a giocare alle spalle dell'attaccante, altrimenti la candidatura di Laribi diventa ancora più forte.

L'attacco si limita ad annoverare una soluzione tra Montalto e Galabinov. Il primo è entrato dalla panchina contro la Spal e ha letteralmente spaccato e deciso la partita. Il secondo non ha certamente messo in scena la sua migliore prestazione e deve ancora guadagnare qualcosa in termini di condizione fisica. Il siciliano, dunque, appare il favorito per partire dal 1', ma in una situazione di ipotizzato turnover tutto può succedere.

La probabile formazione della Reggina (4-4-2): Micai; Lakicevic, Cionek, Regini, Liotti; Ricci, Bianchi, Crisetig, Laribi; Rivas, Montalto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pordenone-Reggina, il possibile 11 amaranto: rebus turnover

ReggioToday è in caricamento