rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Calcio Via Erminio Bercarich, 4

Reggina-Cittadella, Aglietti: "Sconfitta immeritata"

La conferenza stampa post partita del tecnico. "Volevo che ci fosse un giocatore come Menez che legasse il gioco ma non ci siamo riusciti", il commento dell'allenatore sui 90 minuti appena conclusi

"Volevamo fare una partita cercando di imporre il nostro gioco. Nel primo tempo non ci siamo riusciti perché il Cittadella ci pressava alto e il campo era in condizioni difficili. Volevo che ci fosse un giocatore come Menez che legasse il gioco ma non ci siamo riusciti. Ho cercato di dare più peso davanti con i cambi e avere una soluzione con la palla lunga". Ad affermarlo è chiaramente Alfredo Aglietti direttamente dalla sala stampa dello stadio Oreste Granillo. Sul prato verde reggino si è da poco conclusa la sfida tra i padroni di casa amaranto e il Cittadella.

Sempre in conferenza stampa, l'allenatore della Reggina ha commentato: "Sconfitta immeritata, abbiamo costruito 6-7 palle gol. Nel primo tempo abbiamo giocato al di sotto complice anche la terza partita in una settimana. Loro hanno corso di più, con un atteggiamento diverso. Siamo stati un po' in difficoltà. Non è stato un problema fisico, semmai di gamba. Non siamo riusciti a giocare, non abbiamo tenuto una palla davanti e la somma di tutto questo ha fatto un primo tempo non all'altezza.

Reggina vs Cittadella: le foto della partita

Oltre ai nostri demeriti - aggiunge Aglietti - ci sono i meriti degli avversari. Il Cittadella non ci ha fatto giocare e noi abbiamo sbagliato tanto tecnicamente. L'arbitro non è una cosa che dipende da noi e non dobbiamo pensarci troppo. Oggi ci aspettavamo un risultato diverso, ma la partita è da vedere in due facce. Nella ripresa abbiamo dato tutto. La Serie B è questa, gli episodi contano tanto e non ci sono girati oggi. Non abbiamo cercato di allargare il gioco e a un certo punto pure io ho optato per un attacco più pesante. Il portiere loro ha fatto delle parate importanti.

Cortinovis? Spesso - conclude il tecnico - ci lamentiamo che non giocano i giovani, ma si può far bene o male. Se fa bene tutti a dire che è un campione, altrimenti si dice che era meglio non mandarlo in campo. Entrando, lui ha un impatto diverso, ma oggi volevo vederlo all'opera in mediana. Ha personalità e qualità. Anche con Crisetig avremmo fatto la stessa partita. Chiaro che Lorenzo è un giocatore importante, ma non c'era e ha giocato un altro. Il gruppo è valido. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reggina-Cittadella, Aglietti: "Sconfitta immeritata"

ReggioToday è in caricamento