Sabato, 16 Ottobre 2021
Calcio Via Erminio Bercarich, 4

Inevitabilmente 0-0: Reggina e Frosinone si annullano

Partita avara di emozioni al Granillo, dove le due squadre stanche dalle tre partite in sette giorni non danno spettacolo. Entrambe salgono a quota 10 punti in classifica

C’era da aspettarselo? Probabile, fatto sta che oggi al Granillo non si è assistito alla più bella partita della storia. Reggina e Frosinone, squadre rocciose in difesa e vogliose di giocare un bel gioco in avanti, hanno risentito della forte stanchezza dovuta al turno infrasettimanale. Poca lucidità, intensità e tiri in porta realmente importanti. Esito? Il più classico dei pareggi a reti inviolate.

Il primo tempo non piace, non convince, non esalta. Inutile girarci intorno, la frazione iniziale non regala grandi azioni pericolose o intensità elevata, ma sono solo 45 minuti facilmente dimenticabili. Attenzione, però, la musica non cambia affatto nella ripresa. Le due squadre sembrano quasi trascinarsi stancamente verso il triplice fischio, senza mai avvicinarsi con insistenza e concretezza dalle parti dei due portieri. Solo una giocata individuale avrebbe potuto cambiare il corso degli eventi ma, non verificandosi, lo 0-0 appare il risultato più logico e adatto a tale situazione. 

La Reggina può, nonostante tutto, essere particolarmente soddisfatta di un secondo tempo dove ha tenuto in mano le redini del gioco. Frosinone sempre più schiacciato nella sua metà campo e amaranto ad amministrare il possesso palla. Peccato che sia mancato lo spunto negli ultimi 20 metri di campo.

Scelte di formazione

"Ritorno" come parola chiave per lo schieramento della Reggina. Accantonato il semi turnover contro il Pordeone, adesso si rivedono i titolarissimi, ma sempre con il 4-2-3-1 al posto del più classico 4-4-2. Dentro Hetemaj, Bellomo e Galabinov, partiti dalla panchina nel pareggio 1-1 di Lignano Sabbiadoro. Regini, invece, è nuovamente preferito a Stavropoulos in difesa. Ad agire da trequartista è il 10 barese, con Ricci e Rivas sugli esterni.

Fabio Grosso si presenta in riva allo Stretto con un Frosinone non estremamente contento per il pareggio 2-2 contro il Brescia nell’ultimo turno e acciaccato visto la lista indisponibili, dove troviamo nomi non indifferenti come Canotto, l’ex amaranto Charpentier, ma anche Brighenti, Maiello e Haoudi. Rispetto alla scorsa partita, risultano essere due i cambi con tre giocatori interessati: per sostituire l'assente Canotto è stato scelto Garritano sulla fascia sinistra, con Zerbin collocato sul lato opposto dell'attacco.

Primo tempo statico

Il quarto d'ora iniziale di nulla più assoluto lascia finalmente spazio ad un'azione pericolosa al 16', momento in cui dalla fascia destra Lakicevic lancia lungo a trovare l'inserimento di Ricci, involandolo verso la porta. A tu per tu con Ravaglia, l'esterno amaranto si fa parare il tiro. La bandierina dell'assistente non si alza, ma la posizione è sembrata comunque irregolare. Resta l'interessante costruzione messa in piedi dalla Reggina.

Inizia a carburare con una certa intensità il Frosinone al 24', trovando una buona via verso la porta avversaria. Percussione palla al piede per vie centrali di Rohden per poi appoggiare sulla destra a Zerbin che stoppa e tira. Attento Micai a deviare in calcio d'angolo.

Secondo tempo fotocopia dell'avvio

Canovaccio della partita praticamente identico, se non peggio, rispetto alla prima frazione di gioco. Con il passare del tempo, però. la Reggina cresce nel possesso palla e al 66' arriva al primo tiro pericoloso della ripresa. Rivas si trova il pallone al limite dell'area piccola, ma la sua conclusione si spegne alta sopra la traversa non di molto.

Il Frosinone si rende pericoloso al 74' con un colpo di testa Boloca da cross sulla destra di Zampano. Attento Micai a spedire in angolo. Proprio dal medesimo corner nasce l'azione che ha più avvicinato i ciociari al gol. Palla in mezzo a creare una mischia a pochi passi dalla linea di porta. Basterebbe un lieve tocco per mandare la sfera in rete, ma tutti mancano l'appuntamento giusto.

L'ultima possibilità è da mani tra i capelli per la Reggina che al 92' con Cortinovis va vicina al vantaggio. Tiro preciso e insidioso del giovane calciatore amaranto, parato da un ottimo Ravaglia.

Tabellino e pagelle amaranto

Reggina (4-2-3-1): Micai 6; Lakicevic 6, Cionek 6, Regini 6, Di Chiara 5.5; Hetemaj 5, Crisetig 5.5 (81' Bianchi sv); F. Ricci 5.5 (46' Laribi 6), Bellomo 5.5 (66' Cortinovis), Rivas 5.5 (88' Liotti); Galabinov 5.5 (66' Montalto). A disposizione: Turati, Loiacono, Stavropoulos, Amione, Gavioli, Denis, Tumminello. Allenatore: Aglietti 5.5.

Frosinone (4-3-3): Ravaglia; Zampano, Gatti, Szyminski, Cotali (85' Casasola); Rohden (61' Cicerelli), M. Ricci, Boloca; Garritano (71' Lulic), Ciano (70' Novakovich), Zerbin (61' Tribuzzi). A disposizione: De Lucia, Minelli, Klitten, Gori, Satariano, Kremenovic, Manzari. Allenatore: Grosso.

Arbitro:  Simone Sozza di Seregno (Marco Trincheri di Milano e Nicolò Cipriani di Empoli). IV uomo: Emanuele Frascaro di Firenze. VAR: Livio Marinelli di Tivoli. AVAR:  Luigi Rossi di Rovigo.

Note – Spettatori: 5034 di cui 48 ospiti (incasso: 65.553,40 euro). Ammoniti: M. Ricci (F), Rivas (R), Crisetig (R), Boloca (F), Regini (R), Garritano (F),. Calci d'angolo: 3-10. Recupero: 1' pt, 4' st.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inevitabilmente 0-0: Reggina e Frosinone si annullano

ReggioToday è in caricamento