Inarrestabile la scalata del damista Vincenzo Sgrò: primo al campionato italiano giovanile

Per il campione reggino sono in arrivo due importanti competizioni: l’assoluto di dama internazionale a Bergamo e gli Europei a Varsavia, che si svolgeranno dal 31 luglio al 10 agosto

Vincenzo Sgrò

Vincenzo Sgrò è un giovane sportivo che, negli anni, è riuscito a far conoscere meglio una disciplina poco valutata ma parecchio praticata da grandi campioni: la dama.  Pur avendo 17 anni, studente modello del liceo scientifico "Alessandro Volta" (sezione sportiva) di Reggio Calabria, Vincenzo riesce perfettamente a conciliare studio e sport portando a casa medaglie, coppe e riconoscimenti ma soprattutto, compete e spesso batte campioni nazionali di dama.  E anche questa volta, il pluricampione, tesserato per il circolo damistico Asd Cd Nuovi Orizzonti di Reggio Calabria presieduto dall’ingegnere Giorgio Ghittoni, si è classificato primo nel 39° campionato italiano giovanile di dama italiana juniores. 

Alla gara, ospitata al Circolo del tennis “Rocco Polimeni”, hanno partecipato molti bravi damisti ma il nostro Vincenzo è riuscito a portare a casa la vittoria dimostrando le sue abilità tecniche e mnemoniche. Adesso, per il damista ci sono altre due importanti competizioni da affrontare: l’assoluto di dama internazionale dal’8 al 14 luglio a Bergamo e gli Europei in Polonia che si svolgeranno dal 31 luglio al 10 agosto a Varsavia.

Sicuramente, Vincenzo è per Reggio Calabria ma per tutta la Calabria, l'esempio di un giovane che. in maniera molto costruttiva, è riuscito a trarre dal gioco della dama le proprie potenzialità gratificate dal piacere dell'impegno mentale. Oggi, la dama è un grande strumento culturale, ricreativo, associativo, sportivo, utile per l'acquisizione di sani stili di vita dei giovani ed è in grado di ampliare l'offerta delle istituzioni scolastiche. Per giocare a dama ad alti livelli è necessaria una preparazione fisica di tutto rispetto, perché lo sforzo richiesto è enorme. Non è affatto semplice rimanere seduti quattro o cinque ore davanti ad una damiera senza perdere la concentrazione.  Vincenzo questo lo sa bene tant'è che si aggiorna continuamente, studia le mosse degli avversari più forti e rivede le proprie gare per evitare di ripetere le stesse incertezze. 

"Il nostro è uno sport vero, sano -  spiega Vincenzo - i giocatori si danno la mano prima e dopo la gara perché il rispetto viene prima di tutto. E poi, i bambini che si avvicinano a questa disciplina sportiva diventano studenti migliori perché affinano la capacità di osservazione e concentrazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Quando a vincere è la morte", il pensiero di un angelo del 118 dopo l'incidente nel rione Modena

  • A Reggio piange pure il cielo, lacrime e cuori spezzati al funerale di Walter: "Non si può morire così"

  • "Un ragazzo con il sorriso rivolto al sole e alla vita", il ricordo di Reggio Calabria Basket in Carrozzina

  • Incidente nel rione Modena, scontro auto-moto: morto giovane centauro

  • Londra, in ospedale con un dolore alla gamba: reggina muore dopo essere stata dimessa

  • Reggio si mobilita per la giovane morta a Londra, raccolta fondi per il rimpatrio della salma

Torna su
ReggioToday è in caricamento