"Fateci ripartire o sarà troppo tardi", è nato in città il Comitato gestori impianti sportivi

Fanno parte dell'organismo il Centro sportivo Matteo Pellicone già "La Pagoda", Centro sportivo Mirabella, Hinterreggio Village, Palalumaka, Parco Caserta Sport Village, Parco Longhi Bovetto e Sport Village di Catona

In città è nato il Comitato gestori impianti sportivi di Reggio Calabria. L'organismo, al quale fanno  parte del Comitato il Centro sportivo Matteo Pellicone già "La Pagoda", il Centro sportivo Mirabella, Hinterreggio Village, Palalumaka, Parco Caserta Sport Village, Parco Longhi Bovetto e Sport Village di Catona, si è costituito con lo scopo di riorganizzare le attività sportive e proteggere un patrimonio non solo economico ma anche sociale e di benessere, in un momento storico particolarmente complicato.

Il primo atto ufficiale del Comitato dopo la costituzione di lunedì 4 maggio è una richiesta alla Città metropolitana e alla Regione Calabria. "Il Comitato - ha sottolineato il portavoce Marco Francesco Polimeni, direttore del Parco Caserta Sport Village - vuole mettere in evidenza alcune osservazioni utili alla ripartenza della propria attività volta alla pratica sportiva, ludico ricreativa all’aperto, in considerazione degli ampi spazi che i centri sportivi hanno a disposizione.

Con l’inizio della fase 2 - ribadisce Polimeni- siamo certi che tutto ciò è possibile attraverso un ritorno all’attività sportiva da vivere all’aperto, tale da poter garantire il benessere dell’individuo, in questa importante fase che ci vede impegnati verso l’uscita dal Covid-19.

Stiamo, manutenendo i nostri impianti, dotandoci di strutture, tecnologie, attrezzature, sistemi di sanificazione e dispositivi di protezione/prevenzione individuale che metteremo a disposizione della nostra utenza.  Inoltre - spiega il direttore del Parco Caserta Sport Village - stiamo potenziando e formando in remoto il nostro già qualificato personale asservito alla organizzazione delle nostre attività sociali al fine di raggiungere un unico obiettivo: divenire un vero e proprio centro di monitoraggio del corretto svolgimento della pratica sportiva garantendo e tutelando i nostri utenti che, dopo due mesi di lockdown, chiedono di poter prenderci cura della loro salute".

Le strutture che fanno parte del Comitato gestori impianti sportivi di Reggio Calabria sono in grado di garantire la ripartenza in assoluta sicurezza adottando le seguenti misure:

1. Accesso al centro contingentato, nel rispetto del distanziamento sociale, con rilevazione della temperatura e verifica dell’acquisizione dell’informativa anti Covid19;

2. Controllo del possesso ed utilizzo di mascherina e guanti per dipendenti e collaboratori dell’impianto sportivo;

3. Presenza di gel igenizzante mani a disposizione dei clienti in prossimità delle attività sportive;

4. Svolgimento dell’attività sportiva con distanza sociale non inferiore a due metri;

5. Disinfezione continua degli ambienti, delle strutture e delle attrezzature strumentali alle attività sociali;

6. Divieto di accesso da parte dei clienti ai servizi spogliatoi e docce;

7. Accesso ai servizi igienici debitamente contingentato e nel rispetto del distanziamento sociale;

8. Servizio ristorante tradizionale all’aria aperta solo per singoli individui o nuclei familiari conviventi in attesa di specifica riapertura regolamentata dell’intero settore;

9. Servizio bibite caldo freddo, snack e gelati tramite distributori automatici e in alternativa attraverso ordinazione da remoto con consegna alla postazione, in attesa di specifica riapertura regolamentata dell’intero settore;

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comitato considerate le misure adottate "chiede di prevedere la riapertura delle strutture dal prossimo 11 maggio 2020, consapevoli che il mancato accoglimento di tale richiesta cagionerebbe un grave danno economico-sociale al mondo dell’impiantistica sportiva in grado di poter svolgere attività sportiva all’aperto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • "Cemetery boss", i nomi degli arrestati: c'è anche il dirigente dei servizi cimiteriali

  • Le mani della 'ndrangheta sul cimitero di Modena e sugli appalti edili in città

Torna su
ReggioToday è in caricamento