Martedì, 21 Settembre 2021
Sport

La Costa Pacifica s’inchina davanti a Reggio, il ricordo di Carlo Colella a 11 anni di distanza

Il presidente del Circolo Velico ripercorre quegli attimi di stupore ed emozione passate tra le acque dello Stretto. La vela ripartirà in città dal 4 giugno con l'Italia Cup della classe Laser

L'inchino della Costa Pacifica

Era il 2010, anno speciale per un avvenimento inaspettato e meraviglio. Il suggestivo panorama di Reggio è unico da ogni punto di vista, ma certamente tra le acque dello Stretto ha il suo fascino elevato all’ennesima potenza. Rendere omaggio ad uno spettacolo naturale del genere è doveroso, com'è stato per la Costa Pacifica 11 anni fa quando - al passaggio dalle nostro parti – ha salutato la popolazione reggina.

Filo conduttore dall’evento ad oggi è il mare e quel Circolo Velico Reggio che proprio in mezzo alle acque dello Stretto si trovata nel momento dello storico saluto. Lo ricorda così con grande emozione il presidente Carlo Colella: “Era l’imbrunire, un’ora prima che tramontasse il sole sullo Stretto.  Mi trovavo su ‘Braccio di Ferro’ una storica imbarcazione del Circolo Velico Reggio che ha sempre ospitato il comitato di regata in tutte le manifestazioni più importanti che si sono disputate nella rada Giunchi.

Carlo Colella-2A qualche miglio in lontananza – spiega ancora Colella (nella foto) - appare una nave crociera, la Costa Pacifica, rallenta notevolmente e ci accorgiamo che è immobile. Rende omaggio ai regatanti. Era il 2010, undici anni fa. Un ‘inchino’ che i marinai fanno ai marinai. La luce del vespero era fortemente ridotta e dalla fiancata della nave crociera partirono una salve di lampi dei flash delle macchine fotografiche dei passeggeri che, così, hanno immortalato l’evento e Reggio Calabria. 

Reggio, di giorno – prosegue il presidente - e di notte è un anfiteatro. Le città dell’entroterra non hanno un frontespizio con le sue strade, con le costruzioni a scalinate che guardano verso il mare.  Chi ha avuto la ventura di avvicinarsi a Reggio, navigando di notte, vede una città di luce nello scenario della costa calabrese.  Poi il ritorno a casa nella sede del Velico, per noi luogo sacro della cultura marinara della città. Nelle sue stanze sono passati il Presidente Giorgio Napolitano e signora, grandi personaggi del teatro, attrici, artisti, uomini di mare come Cino Ricci e Mauro Pelaschier. Uomini di Stato. Grandi ammiragli come Giancarlo Olimbo e Gianni Iannucci. Leader politici bipartisan.”

Il passato che si lega al presente perché Reggio è terra omaggiata ma anche di vela e allora proprio dal 4 al 6 giugno ci sarà un evento che Carlo Colella collega direttametne con l’inchino: “In tutta la Storia del club crociato bianco amaranto c’è ambizione e tradizione, che si rinnova, oggi, regalando alla città dal 4 al 6 giugno 2021 una Italia Cup della classe Laser che vuole essere anche un segnale di ottimismo, di rinascita e di libertà. Con la vela ovviamente.”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Costa Pacifica s’inchina davanti a Reggio, il ricordo di Carlo Colella a 11 anni di distanza

ReggioToday è in caricamento