Sport

Motorshow 2Mari, secondo incontro con Luca Abete su sicurezza e criminalità organizzata

L'inviato di Striscia la Notizia ha continuato il tour motivazionale con l'intervento alla manifestazione motoristica. Un pubblico nutrito di ragazzi ha preso parte all'iniziativa

Luca Abete sul palco

Dopo le prime due giornate all'insegna della Formula 1, del drifting e di eventi culturali come l'analisi sui Bronzi di Riace, gli organizzatori del Motorshow 2Mari hanno voluto continuare a puntare l'attenzione su Luca Abete. Il famoso inviato di Striscia la Notizia ha preso parte ad un secondo incontro con i partecipanti all'evento, facendo particolarmente attenzione ai ragazzi delle scuole. La sua calorosa presenza alla manifestazione automobilistica è spinta dal tour motivazionale "#noncifermanessuno" portato avanti in tutta Italia.

Durante l'intervento, Abete ha discusso temi delicati e fondamentali per la crescita e la formazione degli studenti. Dalla legalità all'ambiente, passando per sicurezza alla guida e salute, l'intensa chiacchierata è stata seguita con molto trasporto dai giovani, sensibilizzati anche sugli effetti dannosi delle sostanze stupefacenti. Altro punto significativo passato in rassegna dall'inviato di Striscia è stata la criminalità organizzata, riservando una riflessione ai mai dimenticati Falcone e Borsellino: "Non vanno ricordati solo nell'anniversario della loro morte - afferma Abete - ma ogni giorno onorandoli con la nostra condotta. Ma i mafiosi riescono a guardarsi in faccia per i danni che hanno commesso e che continuano a fare?"

Il comandante della capitaneria-2Oltre alla sensibilizzazione portata avanti da Luca Abete, c'è stato ampio spazio per il comandante del servizio operativo della direzione marittima della capitaneria di porto di Reggio Calabria Antonio Lo Giudice e per la direttrice dell'Aci reggina Sandra Pagani. "Il mare dev'essere fruito - spiega il comandante - ma anche rispettato e in tale senso si è anche innestata l'iniziativa "Plastic Free" per capire l'importanza di non abbandonare indiscriminatamente i rifiuti". 

Motorshow 2Mari 7-2"L'Aci non è solo l'ufficio in cui si paga il bollo auto - sottolinea Sandra Pagani - ma anche un ente che organizza gare sportive e che sensibilizza concretamente sul tema della sicurezza stradale. In quest'ottica svolgiamo il corso destinato ad una fascia d'età che parte dai bambini dell'asilo fino agli over 65, che rappresenta il nostro fiore all'occhiello. Nel percorso finalizzato alla sicurezza stradale simuliamo anche l'uso di sostanza alcoliche e stupefacenti alla guida per capirne l'effetto dannoso. Domenica inoltre abbiamo organizzato un convegno per comprendere l'importanza del soccorso immediato a chi è in difficoltà sulla strada. Molliamo il telefono cellulare alla guida e indossiamo le cinture di sicurezza!"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Motorshow 2Mari, secondo incontro con Luca Abete su sicurezza e criminalità organizzata

ReggioToday è in caricamento