Reggina-Brescia, Toscano alla vigilia: "La squadra ha i mezzi per invertire il periodo"

Terminata la settimana di ritiro e di silenzio stampa, il tecnico amaranto ha incontrato i giornalisti in conferenza da remoto. La sfida di domani come tema in primo piano

Mimmo Toscano

Disfatta, silenzio assordante, delusione, rammarico. Sensazioni purtroppo familiari in casa Reggina al momento, dove i punti scarseggiano e non arrivano ormai da settimane. La carestia dovrà essere interrotta quanto prima per evitare di ritrovarsi molto presto a dover raschiare il fondo.

Sabato pomeriggio andrà di scena l'esame probabilmente più importante dell'era Toscano. Il Brescia è un ostacolo di un certo spessore da superare nonostante le loro difficoltà, ma una quinta sconfitta consecutiva non potrà essere accettata. Ne parla lo stesso allenatore amaranto nell'odierna conferenza stampa prepartita: "Sono convinto che - spiega il tecnico - la squadra abbia i mezzi per invertire questo periodo. Le prestazioni ci sono state sempre. Dobbiamo dare meno vantaggi agli avversari. Dobbiamo crederci di più anche sulle palle sporche. Bisogna migliorare anche nella qualità delle scelta. Molte volte facciamo un tocco in più. Il cross deve arrivare quando la difesa avversaria non è schierata bene. Essendo ottimisti, la tendenza si può cambiare."

Sconfitta targata Monza

"Abbiamo fatto un'ottima gara nel primo tempo, tranne i 5 minuti iniziali. La squadra ha sviluppato bene il gioco, ha battagliato, messo qualità nell'organizzazione di gioco. Potevamo far meglio nel riempire l'area. Poi l'aspetto psicologico è molto importante. Subire la terza espulsione ti subentra il fatto che anche oggi devi soffrire. Il Monza ha creato pochi problemi rispetto alla caratura della squadra. Gli ultimi 10' c'è stata la reazione di riprendere la gara ma non tale per rimetterla in piedi. Sia Situm che Di Chiara sono cresciuti, stanno migliorando nella lettura del gioco. Dovevamo essere più determinanti nelle scelte negli ultimi 16 metri."

La settimana di ritiro

"Devi cercare di dare un senso allo stare più insieme. Parlare di quello che è stato e che quello che bisogna fare domani contro il Brescia. Abbiamo cercato di capire come fare per invertire questo momento difficile."

Occhio al Brescia

"Il Brescia è una squadra di caratura elevata. Ha delle assenze come tutte le squadre. L'unico dubbio che hanno è davanti con Ragusa. Credo abbia delle scelte forzate. A prescindere da questo, la cosa più importante è quello che dobbiamo fare noi. Dobbiamo avere voglia di battagliare e ripartire dallo spirito che abbiamo avuto a Monza.

Capitolo infortunati

"Oggi si è aggregato Rolando, anche se ha fatto un po' di differenziato. Ne parlerò con il ragazzo. Menez non è recuperabile. Lafferty e Vasic si sono allenati con noi ed è già un passo in avanti. Loiacono non era infortunato, aveva bisogno di rifiatare perchè sta giocando da diverse giornate. Charpentier aspettiamo qualche settimana, lo stesso per Faty. Per Rossi mi auguro possa accorciare il periodo di stop."

Dubbi di formazione

"Centrocampo a 5? Abbiamo una rosa che può fare la prestazione e mettere sotto gli avversari. Per esigenze abbiamo creato un centrocampo diverso. L'abbiamo fatto bene, abbiamo avuto più equilibrio ma abbiamo perso della pericolosità lì davanti. Dobbiamo essere equilibrati. Mi porto dietro qualche dubbio fino a domani mattina.

Impiego di De Rose? Ciccio è un ragazzo che ho cresciuto e ci si può fare affidamento sempre. Adesso è arrivato il momento dove deve dare il suo contributo e sono convito che lo darà anche domani. Qualcosa devi cambiare nella disposizone con lui in campo. Cerchiamo di mettere la formazione più equilibrata."

Troppi cartellini rossi

"Bisogna non dare vantaggi agli avversari. Nessuna squadra si può permettere di rimanere in 10. La passata giornata ci sono state 6 espulsioni e hanno perso tutti le partite. Noi questo errore non lo dobbiamo commettere più."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • La battaglia del primario Amodeo per una sanità pulita: "Non mi imbavaglieranno"

Torna su
ReggioToday è in caricamento