Reggina, Loiacono in esclusiva: “Possiamo toglierci grandi soddisfazioni. Mi ha colpito Delprato"

ReggioToday ha raggiunto il difensore centrale per un’intervista sull’attualità amaranto. L’analisi della sconfitta contro la Spal e l'inserimento dei nuovi arrivati tra i temi trattati

Giuseppe Loiacono

Pilastro insostituibile della difesa e riferimento in campo e nello spogliatoio, più semplicemente Giuseppe Loiacono. Non sono pochi i leader della Reggina, ma il difensore centrale ha dimostrato fin dall’anno scorso di essere un giocatore di cui Toscano non può fare a meno e che il gruppo riconosce come uno dei senatori. 

Nel pieno della sua seconda annata all’ombra del Granillo, con già 488’ in campo nell’attuale campionato e la fascia da capitano al braccio, Loiacono è stato protagonista della nostra intervista in esclusiva. Dopo 6 giornate di Serie B passate in archivio è inevitabile partire da un'analisi dell’inizio stagionale. Per il difensore "è un bilancio positivo. Vero che stiamo raccogliendo meno di quello che avremo potuto avere, ma il campionato di Serie B è questo e arriveranno momenti dove la fortuna girerà a nostro favore. L’importante è l’atteggiamento che abbiamo e la determinazione che mettiamo in campo. Possiamo toglierci grandi soddisfazioni.” 

Cosa si prova a giocare senza pubblico soprattutto in una piazza così calda come Reggio?

“È tutta un’altra cosa, specialmente quando giochi in casa. Il pubblico ti dà quella spinta in più e tu riesci a spingerti oltre. È vero che il giocatore deve pensare solo al campo durante la partita, ma vedere tutta quella gente che ti incita è molto bello e ti aiuta a dare di più ed essere maggiormente concentrato.”

Qual’è realisticamente l’obiettivo della Reggina nell’attuale Serie B?

“È presto per dirlo, ma non ci siamo posti un obiettivo. Il campionato è lungo e adesso dobbiamo pensare partita dopo partita e cercare di fare più punti possibili. Poi vediamo cosa succede.”

Quale dei nuovi acquisti del mercato estivo ti ha colpito maggiormente?

“I nuovi arrivi si sono inseriti abbastanza bene. La maggior parte di loro sono giocatori esperti e si sono incanalati subito nel nostro modo di giocare. Hanno diversi campionati di livello alle spalle e tanta esperienza. Stanno dando una mano ai giovani ma anche a noi ‘vecchi’ e questo fa tanto per l’intero gruppo. 

Chiaro che un giocatore che mi ha colpito è Menez e si vede in campo, ha tantissime qualità e non ha bisogno di presentazioni. Quello che sta facendo bene è anche Delprato, sta lì in silenzio ed è sempre concentrato, attento e sta dimostrando di essere all’altezza di questa categoria.” 

Come ti stai trovando con Cionek e lo stesso Delprato, i tuoi compagni di difesa nell’11 titolare?

“Mi sto trovando bene. Cionek è un giocatore esperto e ha tanti anni di categoria superiore alle spalle. È un onore e un piacere giocare al suo fianco. Ti dà tanto e il suo contributo si vede nelle situazioni di gioco, dove c’è sempre il suo zampino. Ha davvero tanta esperienza da mettere a disposizione della squadra.”

Cos’è mancato contro la Spal per evitare la sconfitta?

“L’espulsione di Menez a detta di tutti era evitabile. È stata un po’ esagerata. Sono cose che si dicono anche se non si dovrebbe. Capita per la foga agonistica della partita e per l’adrenalina. Poteva ammonirlo soltanto e dargli un preavviso. Nonostante tutto, abbiamo dimostrato di potercela giocare alla grande. Nonostante l’uomo in meno abbiamo lottato fino all’ultimo. Con un pizzico di fortuna e di convinzione in più l’avremo pareggiata e dopo si rischiava anche di vincerla. Dopo il loro 1-0 e soprattutto nel secondo tempo non siamo mai andati in difficoltà. Non hanno creato molto, mentre noi abbiamo avuto l’occasione del palo, il rigore e non solo.”

Che partiva vi aspetta al Castellani e come si batte l’Empoli?

“Inizieremo a prepararla da oggi, perché ieri abbiamo riposato. Sicuramente è una squadra forte e quotata per vincere il campionato. Dobbiamo andare lì consapevoli della nostra forza e possiamo giocarcela tranquillamente. Bisogna essere attenti e concentrati per prepararla bene e giocarcela fino alla fine."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il pm Musolino boccia i commissariamenti: "Fallimento a tutto tondo"

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • 'Ndrangheta, sigilli alla "Pescheria del viale" e ai conti di Alfonso Molinetti e dei familiari

  • Un malore stronca un anziano sul centralissimo Corso Garibaldi

  • Le menti del "Farmabusiness" avevano puntato anche la Città dello Stretto

Torna su
ReggioToday è in caricamento