Mascherine con il logo del club amaranto: le precisazioni della Reggina

"Mai concesso a terzi l’utilizzo del proprio marchio e di mai autorizzato alcuna produzione di tali dispositivi medici". A comunicarlo è la società di via Osanna, riguardo la diffusione di materiale non idoneo

Lo stemma della Reggina

Siamo al tempo del coronavirus e notizie del genere possono anche essere all'ordine del giorno. In ambito Reggina, va registrata la diffusione di mascherine protettive con il logo del club disegnato. Una situazione certamente spiacevole che ha portato la società del presidente Gallo a scrivere un comunicato a riguardo, precisando l'estraneità ai fatti.

"La Reggina 1914 - si legge nella nota del club - venuta a conoscenza della vendita di mascherine griffate con il logo ufficiale del Club, comunica di non aver mai concesso a terzi l’utilizzo del proprio marchio e di non aver mai autorizzato alcuna produzione di tali dispositivi medici, trattandosi, oltretutto, di prodotti non certificati e potenzialmente non sicuri per la salute.

Tale precisazione - prosegue la società - è doverosa in considerazione dell’importante finalità del prodotto stesso, che a tutela della qualità dei nostri prodotti ufficiali di cui trovate il catalogo completo su shop.reggina1914.it. In qualsiasi circostanza, l’utilizzo del logo ufficiale del Club, dev’essere autorizzato dalla società a mezzo mail. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si precisa - termina la nota - di essere completamente estranea ai canali di vendita e di stare svolgendo approfondimenti per l’accertamento dei responsabili ai fini della loro segnalazione all’Autorità Giudiziaria."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • "Cemetery boss", i nomi degli arrestati: c'è anche il dirigente dei servizi cimiteriali

  • Le mani della 'ndrangheta sul cimitero di Modena e sugli appalti edili in città

Torna su
ReggioToday è in caricamento