menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Baroni

Marco Baroni

Reggina-Monza, Baroni: “Affrontarla con consapevolezza. Due punte? Molto probabile"

Conferenza stampa di vigilia in vista della 28esima giornata di Serie B. Amaranto contro la seconda della classe. Per il tecnico: " Occorrerà una prestazione di livello altissimo"

Sfide stimolanti, con grande posta in palio e una voglia incontrollabile di confrontarsi con chi sta là davanti per capire se la caratura è la stessa. La Reggina si prepara ad affrontare così il Monza, secondo in classifica e tra le favorite alla conquista dalla promozione diretta in Serie A.

Domani pomeriggio alle 14 sarà il Granillo lo scenario di una partita che certamente regalerà un ottimo calcio, visto il talento che entrambe le squadre possono vantare in rosa. Per Baroni e i suoi ragazzi bisognerà sbagliare poco o nulla per tentare il colpo grosso. Il tecnico amaranto ha analizzato tutte le questioni più interessanti alla vigilia nella classica conferenza stampa da remoto.

Il Monza

“Si sta parlando di una squadra con un organico importantissimo e quasi unico per la categoria. Questo lo sappiamo e non deve intimorire. Il rispetto è massimo e sappiamo che è una partita complicata con tante insidie. Ci sono giocatori che possono cambiare volto alla partita. Noi dobbiamo fare una partita di grande attenzione, determinazione ed equilibrio. Non dobbiamo concedere transizioni. Occorrerà una prestazione di livello altissimo per fare risultato.

Il Monza ha dimostrato la sua qualità, ha un'ottima gestione della palla e tutti gli avversari hanno dei punti deboli. Noi cercheremo di trovarne qualcuno. Chiaro che molto dipende da quello che andremo a fare sul campo. Palle inattive? Anche questo fattore sarà determinante, chiaro che all'interno delle giocate da fermo ci sono varie componenti. Uno è il battitore e poi chi sa attaccare bene la palla e loro hanno buoni giocatori da questo punto di vista. Ci vuole qualcosa che venga fuori dalla testa, dal petto e dalla voglia perchè le insidie sono tante.

Più la partita è importante e più mi si alza il livello di voglia e determinazione. Confrontarsi con un gradino più alto è sempre stimolante, poterci salire sopra ancora di più. Molto sta a quello che noi dovremmo fare. La preparazione della partita è stata buona e c'è da mettere in campo una prestazione di altissimo livello.

La perdita di palla è fondamentale. Due dei gol con l'Empoli sono due palle perse dove perdiamo dei duelli. Questo vuol dire tantissimo. Dobbiamo affrontarla con la consapevolezza di quello che noi siamo."

Indisponibili

“Solamente Faty e Kinglsey. Quest'ultimo da domenica è a disposizione della squadra. Farà un controllo strumentale ma si sta allenando bene."

I singoli

“Denis ha fatto i primi allenamenti, poi si è fermato ed entrato nel campo ieri. Montalto non è stato benissimo ma ha svolto l'ultima seduta. Jeremy si è allenato molto bene, ma non rappresentano un problema questi giocatori. Sanno cosa io voglio e sono dei professionisti. Sono una risorsa importante e cerco di sfruttarli al meglio. Chi non gioca deve essere arrabbiato dimostrando all'allenatore che si sbaglia e tutti lo stanno facendo."

Scelte di formazione

"Okwonkwo l'abbiamo preso perchè pensavamo che ci potesse dare una mano. La sua condizione fisica quando è arrivato era disastrosa, poi abbiamo messo lavoro e sta trovando sempre di più la condizione. Deve e può fare molto di più. Per domani è uno dei candidati, ma ho ancora qualche dubbio di natura fisica. Dobbiamo andare a tutta ma non solo chi parte ma anche da chi subentra.

Stavropoulos, Cionek e Lakicevic? Loro hanno dei giocatori con un impatto fisico importante ma le puoi sopperire queste situazioni. Non penso che la scelta di uno o l'altro possa fare la differenza. La squadra nell'insieme deve fornire una prestazione di intenso vigore.

Due punte in campo? Vediamo, è una soluzione che ho nella testa, non so se da subito o a gara in corso, ma è molto probabile"

Punti persi

"Noi abbiamo avuto sempre questo problema, la squadra tante volte ha avuto tante occasioni facili e a volte delle gestioni di palloni negli ultimi 20 metri si possono sistemare. Ci stiamo lavorando e siamo migliorati nel riepire l'area. A volte, come contro il Pisa, non abbiamo avuto la lucidità più che la cattiveria. Non dobbiamo sbagliare scelte e a Ferrara siamo stati molto bravi in questo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Esaltare I tratti del viso? La risposta è il contouring

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento