rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Il ricordo

E' morto Gus Tolotti, mito della gloriosa Viola Reggio Calabria

Un male incurabile lo ha strappato alla vita a soli 55 anni. Gus, ala-centro di oltre due metri, ha militato per 12 anni nella blasonata squadra di basket. La tristezza della città ed il ricordo sui social

Reggio Calabria piange la morte di Gustavo Tolotti: un pezzo di storia, un mito degli anni d'oro e indimenticabili della Viola. Il suo attaccamento alla maglia, il suo sorriso, l'instancabile professionalità, le incredibili schiacciate che mandavano in visibilio il pubblico del PalaCalafiore e la grande bontà rimarranno indelebili e scolpiti nella memoria di ogni reggino, di ogni appassionato di basket. Un male incurabile lo ha strappato alla vita a soli 55 anni, lascia la moglie Angela e due figli. 

Gus, ala-centro di oltre due metri, ha militato per 12 anni nella blasonata Viola, tra gli anni ottanta e novanta, divenendo una bandiera della squadra di Reggio Calabria, è lui il giocatore con il record di presenze nel quintetto neroarancio. Oltre nella nostra città, Tolotti ha giocato con la Virtus Roma, Sebastiani Rieti, Basket Roseto e Andrea Costa Imola.

Sgomento e tristezza stanno accompagnando in queste ore il sentire comune di tanti reggini e una pioggia di commenti, ricordi e addii ha invaso i social. 

"Proviamo un grande dolore, un dolore che ci scuote - si legge in un post su Facebook della PallacanestroViola - Sei stato il nostro recordman, il cestista che più di ogni altro e per più volte ha indossato la canotta neroarancio. Per ben dodici stagioni ci hai resi orgogliosi non solo del tuo grande talento ma anche del tuo attaccamento alla Viola e alla città di Reggio che ti hanno ricambiato negli anni con lo stesso  grande affetto.  Sei stato il nostro Gus, eroe di anni straordinari che porteremo sempre negli occhi e nel cuore insieme al tuo prezioso ricordo.  Addio Gustavo, addio campione. La terra ti sia lieve. In questo momento di grande sconforto ci stringiamo in un forte abbraccio alla tua famiglia, ai tuoi compagni e a tutte le persone che ti hanno amato e voluto bene fuori e dentro il parquet".

"Una persona legatissima a Reggio, prima, e alla Calabria, poi - afferma Maurizio Condipodero, presidente del Coni Calabria - arrivato da Crema come una promessa, andato via come un gigante, in tutti i sensi. Ci lascia presto, troppo presto, una grande persona, un super atleta. Ciao Gus o, come mi divertivo a chiamarti, Tolò Tolotti!"

Per il giornalista Ugo La Camera: "Un'altra leggenda ci saluta troppo presto, un eroe buono arrivato a Reggio ragazzo quando si andava al Botteghelle a vedere gli allenamenti per poi magari ritrovarlo allo Snooty fox. Gustavo era un ragazzo semplice ma con tanto talento, che ha amato la Viola e la nostra città. Aveva sempre un sorriso per tutti e voglio ricordarlo così. Addio Gus".

"Descrivere qualcosa di speciale è difficile. Trovare le parole per descrivere una persona speciale può essere addirittura impossibile. Tutte le parole più belle che può esprimere il mio cuore sono difficili da pronunciare ma restano per sempre dentro di me. Non ci sarà mai un addio per noi". Inizia con queste parole il ricordo di capitan Sandro Santoro, compagno di squadra e amico di sempre: "Perché entrambi sappiamo che in questo mondo non c’è forza maggiore di quella con cui abbiamo costruito insieme un pezzo di storia della nostra vita. Il dolore che provo sarà attenuato dal ricordo di una persona unica e speciale.

Il mio pensiero va alla tua famiglia e la sofferenza che stanno provando, ad Angela che patirà con forza il peso della tua assenza, a tuoi due figli che hanno imparato da te cosa serve per essere speciali. Mi verrebbe da dirti di non andar via ma non può essere così e allora sarà nel giardino della più alta memoria o nel palazzo dei sogni più belli che ci rincontreremo, come quando ti passavo la palla lassù dove nessuno riusciva ad arrivare… eccetto te. Ciao Gus grazie di tutto #RipAmicoMio"".

"Il migliore di tutti ci ha lasciato... ciao Gus...e grazie..." il commento di coach Gaetano Gebbia e ancora il giornalista Ferdinando Ielasi: "Gli anni più belli. Gli anni in cui "Prima alla Reggina e poi alla Viola". Tu in quegli anni sei stato un eroe autentico, a misura d'uomo. Tu, di quegli anni, sei un ricordo immortale e prezioso. Un pilastro, un baluardo. Passato, presente e futuro: hai scritto la storia, adesso entri nella leggenda. Buon viaggio Gustavo Tolotti, il bambino di allora ti ringrazia infinitamente mentre l'uomo di oggi non riesce a levarsi di dosso quel maledetto senso di tristezza, nostalgia e vuoto".

"Con la scomparsa di Gustavo Tolotti Reggio Calabria perde uno dei padri nobili dello sport cittadino. Storico cestista della Viola Basket, tra le leggende capaci di far innamorare i reggini della palla a spicchi, Tolotti ha rappresentato negli anni un punto di riferimento per la Reggio sportiva, non solo per la sue memorabili gesta di atleta, ma per la passione, l'attaccamento ed il senso di identità che ha sempre dedicato alla maglia neroarancio e alla comunità reggina". Cosi in una nota il consigliere metropolitano delegato allo sport Giovanni Latella.

"La sua prematura scomparsa - ha aggiunto Latella - ha lasciato attoniti in queste ore i tantissimi appassionati reggini. Arrivato nella famiglia neroarancio quando era poco più che un bambino, Gus è rimasto a Reggio Calabria per più di un decennio, segnando lo storico record di presenze con la maglia della Viola, arrivando anche a vestire la maglia azzurra e rappresentando un punto di riferimento per i compagni di squadra e per la comunità dei supporters neroarancio negli anni d'oro dell'irresistibile ascesa di Reggio Calabria ai vertici nazionali della pallacanestro".

"Reggio Calabria ha ricevuto tanto da Tolotti, ricambiando con il suo amore e la passione con le quali i reggini lo stanno ricordando in queste ore. Alla famiglia dello storico cestista e a quanti hanno avuto l'immensa di fortuna di conoscerlo, in campo e fuori, giungano sentimenti di sincero cordoglio da parte della Città Metropolitana e del Comune di Reggio Calabria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto Gus Tolotti, mito della gloriosa Viola Reggio Calabria

ReggioToday è in caricamento