Secondo passo falso consecutivo per la Viola, Nardò batte i neroarancio 59-81

Terza giornata di Serie B girone D2, dove la squadra di coach Bolignano ha affrontato la seconda partita in casa. Calabresi costretti ad inseguire durate tutto l'arco del match

Viola-Nardò (foto da pagina facebook Viola)

Cammino altalenante per la Viola in Serie B. Le due giornate iniziali, andate in archivio con vittoria prima e sconfitta poi, hanno permesso a coach Bolignano di trarre degli spunti importanti per amalgamare un gruppo che adesso, però, non riesce a superare l’esame Nardò al terzo turno.

Domenica di partita al PalaCalafiore, dove i padroni di casa subiscono una pesante sconfitta. Ospiti reduci da due ko di fila, ma comunque in grado di giocare a testa alta e uscire da Reggio con una preziosa vittoria. I pugliesi dimostrano di avere ottime potenzialità e di rappresentare una delle squadre di maggiore qualità.

Venendo alla cronaca, il primo quarto non vede la Viola estremamente precisa e Nardò ne approfitta per iniziare a costruire il vantaggio. Il primo parziale di 10-22 aumenta nel secondo quarto, fino ad arrivare a 29-44. 15 punti di distacco sembrano una montagna già abbastanza difficile da scalare, ma al rientro dagli spogliatoi le distanze aumentano ulteriormente. Il 37-58 di fine terzo quarto sembra non lasciare scampo ai neroarancio, condannati effettivamente a non ottenere un risultato positivo quest’oggi. L’ultimo periodo della gara serve solo per chiudere i conti e mandare lo scontro in archivio sul punteggio finale di 59-81.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • La battaglia del primario Amodeo per una sanità pulita: "Non mi imbavaglieranno"

Torna su
ReggioToday è in caricamento