Reggina, Bellomo: "A Bari pensavano di stravincere, qui organizzazione da Serie A"

Il talentuoso calciatore amaranto ha commento un possibile ritorno al calcio giocato. "Ci vorranno almeno due settimane abbondanti di preparazione" spiega il numero 10

Il trequartista Nicola Bellomo

La Reggina ha tanti assi nella rosa a disposizione di mister Toscano. Numerosi sono i giocatori chiave che durante l'attuale stagione si sono messi in mostra, facendo le fortune del presidente Gallo e dei tifosi amaranto. Uno degli atleti tecnicamente e qualitativamente superiore è, senza ombra di dubbio, Nicola Bellomo.

Il trequartista, che definire sprecato per la categoria sarebbe il minimo, è intervenuto ai canali ufficiali del club di via Osanna per commentare quanto fatto nell'attuale campionato e l'asse Reggio-Bari con i biancorossi costretti ad inseguire da non poca distanza. 

L'occasione nella massima divisione

"Rammarico c'è, perchè non è facile arrivare in Serie A. Il problema è rimanerci, ci ho messo del mio, c'è stata altra gente di mezzo e gli infortuni. Il passato, però, lo lascio alle spalle. Penso al presente perchè oggi sono alla Reggina e sono contento di stare qui."

Le qualità degli amaranto

"I grandi meriti li abbiamo tutti a partire dal presidente che ha messo a disposizione tutto, il direttore che ha fatto la squadra, il mister che ha saputo gestire un grande gruppo. La forza è proprio questo, non c'è stato mai uno scontento."

Nuovamente in campo

"Normale che se si rinizia ci vorranno almeno due settimane abbondanti di preparazione non dico per tornare alla normalità ma quasi."

La città

"Dal primo giorno che ho messo piede a Regigo sapevo già della piazza, poi siamo al Sud: la gente e i tifosi sono caldi e io mi sono trovato benissimo. Simile a casa mia. La cosa bella che ho notato dall'anno scorso è che anche quando la partita va male, i tifosi ti incoraggiano fino all'ultimo minuto. Cosa fondamentale per un giocatore. Mi piace tutto perchè è simile a Bari, poi io sono uno che se c'è il mare già sto bene. Il lungomare è bello, puoi farti una passeggiata. Il centro è anche carino, è una città con una dimensione giusta per una famiglia. A livello organizzativo, di campi e centro sportivo è come se stai in Serie A."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le certezze del Bari

"Quando tornavo a casa tutti mi dicevano 'quest'anno saliamo noi, voi salite ai playoff'. Le solite battutine che fanno come è giusto che sia tra amici. Alla fine darà ragione in campo e lo sta dando a noi. Pensavano di stravincere il campionato. Noi siamo partiti a fari spenti e anche sui giornali ci mettevano dietro 4-5 squadre. Oggi parliamo che la Reggina non lo sta vincendo ma stravincendo."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo Italo sui binari di Reggio arriva anche il Frecciarossa: il plauso del presidente Santelli

  • Riemergono da acque Stretto i fasti di Reggio, trovata ancora a 154 metri di profondità

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

Torna su
ReggioToday è in caricamento