Cavese-Reggina ad alta tensione, scontri tra tifosi: denunciati tre ultras amaranto

Le due tifoserie sono state protagoniste, all'altezza di Nocera Inferiore, di lancio di oggetti. Durante i controlli delle forze dell'ordine, sequestrate mazze e petardi

La curva Sud del Granillo

Ennesima pagina nera delle tifoserie legate al calcio, anche se il pallone non dovrebbe mai essere accostato a fatti di cronaca. La Reggina perde 3-0 sul campo della Cavese, lasciando per strada l'imbattibilità che aveva contraddistinto il girone d'andata. Tutto, però, passa in secondo piano a causa di alcuni violenti scontri tra le due tifoserie. Scoppia la "guerriglia" e scatta la denuncia per tre ultras amaranto.

La cronaca della partita

Siamo a ridosso dell'inizio della partita di Castellammare di Stabia. Le due fazioni di tifosi, sia della Reggina che della Cavese, stavano raggiungendo lo stadio Romeo Menti quando, all'altezza di Nocera Inferiore, si sono pericolosamente incontrati. Due veicoli con ultras amaranto, abbandonando il percorso consigliato dalle autorità di pubblica sicurezza, hanno approcciato la tifoseria dei padroni di casa per un lancio di oggetti, poi arginato dalle forze dell'ordine. Un altro episodio riguarda, invece, un pullman di sostenitori amaranto. Tre di loro sono stati denunciati per resistenza a pubblico ufficiale durante i controlli effettuati di norma, mentre gli stessi agenti della polizia sequestravano mazze e petardi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tifo è bello quando coincide con l'arrivo allo stadio, i cori per incitare la propria squadra e le splendide coreografie di vario tipo. Quando, però, tutto ciò si trasforma in scontri tra fazioni e atti vandalici non si può e non si deve etichettare come un fenomeno legato al calcio, poichè un pallone che rotola in un campo verde ha evidentemente poco a che fare con accaduti spiacevoli. Bisogna condannare categoricamente certi atti e sperare non si verifichino mai.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, in Calabria 11 nuovi casi e focolaio a Reggio dopo un apericena: 8 i positivi

  • Covid, focolaio dopo una festa di compleanno: i titolari del Papo's Cafè fanno chiarezza

  • Comunali, Falcomatà presenta la lista Innamorarsi di Reggio: i nomi dei candidati

  • Rientri, sbarchi e assembramenti: nuova ordinanza della Regione Calabria

  • Operazione "Malefix", il Tribunale della libertà rigetta alcune istanze di scarcerazione

  • "Mare spettacolare: voto 10", Bobo Vieri in vacanza incorona la bellezza di Palmi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento