Sabato, 24 Luglio 2021
Sport

Venezia-Reggina, Baroni: "Dobbiamo portare su tutti i campi i nostri valori"

Terminata la pausa per le nazionali, gli amaranto tornano in campo in Serie B. Domani allo stadio Pier Luigi Penzo la sfida ai quinti in classifica, con calcio d'inizio alle 19

Marco Baroni

La sosta è già finita, volata come fosse un fulmine e nulla più. Dal Chievo al Venezia sembra un attimo e invece ne è passato di tempo, tant'è che siamo entrati nella fase finale del campionato. Una volata che in Serie B può e deve coincidere con la salvezza tranquilla della Reggina, raggiungibile attraverso risultati e prestazioni contro tutti gli avversari a prescindere dalla caratura.

Proprio il Venezia, primo degli otto ostacoli verso la fine della stagione, rappresenta probabilmente il più probante degli esami. Squadra che crede alla Serie A, ben salda in un posto playoff e reduce da due risultati di grande spessore, ultimo il poker 1-4 rifilato a quel Monza tanto favorito per la promozione diretta ai blocchi di partenza e battuto anche dalla Reggina 1-0 lo scorso 13 marzo. È facile, quindi, inquadrare i prossimi avversari amaranto: squadra da temere sì, ma da affrontare a testa alta anche. Il condottiero dei calabresi, quel Marco Baroni che vorrebbe decisamente salvarsi e rinnovare il proprio contratto, ha interpretato alla vigilia la partita di domani: "Chiaro che la gestione delle ultime scelte è fondamentale. Da questo punto di vista ci stiamo lavorando e abbiamo sempre più convincimento nei nostri mezzi. Ci vuole anche della serenità per fare questo. Domani è una partita complicata anche per loro, toccherà a noi creare dei problemi al Venezia che ha un tasso qualitativo e tecnico importante.

Dobbiamo andare là - ribadisce - con il piglio giusto e la compattezza che ci ha sempre fatto crescere. La lettura della gara dal punto di vista atletico sarà fondamentale, così come i cambi e la possibilità di mettere energie fresche e da questo punto di vista la squadra sta recependo sempre di più il messaggio. Le gare oramai durano 95' e quasi sempre a fine partita che poi spesso si risolvono. Il Venezia, non ci dimentichiamo, ha costruito negli ultimi anni. Adesso hanno completato qualitativamente la rosa prendendo giocatori importanti. Non guardo in casa degli altri se non nello studio della partita dal punto di vista tattico. Inizia la parte più importante del torneo, abbiamo una serie di partite difficili e affrontiamo sempre le sfide con la stessa voglia di migliorarci e andare a batterci su tutti i campi a testa alta portando avanti i nostri valori."

Il Chievo

"Bisogna anche guardare i numeri che sono inequivocabili. Abbiamo giocato contro un avversario importante che ha fatto delle azioni pericolosissime su palloni persi da noi. Non dobbiamo farlo specialmente contro il Venezia. Nel calcio si può dire tutto quello che si vuole, ma i numeri sono visibili a tutti. Ognuno ha la sua interpretazione, ma c'è qualcosa che non torna se si dice che la Reggina è stata presa a pallonate. Con i numeri ho visto che certe situazioni hanno ingigantito la prestazione della squadra. Per noi è stata una partita importante perchè abbiamo visto che quando si perde di compattezza può succedere di tutto. Ci deve fare crescere e non possiamo ripetere gare dove lasci all'avversario così tante transizioni."

Novità tattiche

"L'allenamento è una crescita costante e abbiamo lavorato sul nostro sistema di gioco. Le due punte non è detto che non possano essere utilizzate ma la squadra si è sempre espressa bene in un certo modo. I cinque cambi ti permettono di cambiare dal punto di vista tattico. L'importante è l'atteggiamento della squadra e quanto riesci ad essere aggressivo."

Scelte di formazione

"Dalle Mura contro il Chievo ha legittimato anche nel gruppo. Ha delle qualità importanti e vogliamo valorizzarlo. Lui è cresciuto molto e adesso io lì ho più scelta e credo che sicuramente lui può dare un contributo specialmente nell'ottica delle tre gare ravvicinate. Importante avere tutti a disposizioni ma teste accese, partecipazione è la cosa più importante perchè così riesci a cambiare volto a gara in corso."

Indisponibili

"Abbiamo recuperato Kingsley, poi chiaramente Folorunsho non è a disposizone. Abbiamo avuto una defezione di Petrelli che è a casa con un attacco influenzale ma niente legato al discorso Covid. Stiamo bene e solamente Menez l'abbiamo tenuto fermo precauzionalmente e domani valutiamo con il giocatore la sua condizione fisica, ma viene via con noi perchè c'è la gara ravvicinata e andiamo su con tutti i disponibili. Rivas ancora non è con noi e dovrebbe arrivare domani e chiaramente ha un volo abbastanza lungo. Devo capire come sta e non sarà sicuramente della partita inizialmente, devo solo valutare se aggregarlo con il gruppo per averlo nella partita dopo."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venezia-Reggina, Baroni: "Dobbiamo portare su tutti i campi i nostri valori"

ReggioToday è in caricamento