Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Gara 4 equilibrata e pazza: la Viola perde all’overtime contro Avellino e la salvezza attende

Seconda vittoria consecutiva per i campani, che pareggiano così la serie playout per la permanenza in Serie B. Decisivo il risultato di 79-78 ottenuto sulla sirena grazie al canestro di Riccio

Avellino-Viola (foto da pagina Facebook ufficiale Pallacanestro Viola)

Si allunga ancora l’attesa per la tanto sognata salvezza. La Viola non riesce proprio a vincere fuori casa, dove un successo in stagione non è mai arrivato. Gara 4, dopo aver vinto le prime due tra le mura amiche e perso la terza in Campania, va nuovamente ad Avellino andando così a mettere in perfetto equilibrio la serie. Contesa che adesso si deciderà nella quinta sfida e stavolta si tornerà al PalaCalafiore.

La partita inizia a ritmo non estremamente accelerato. Il primo quarto risulta abbastanza equilibrato, con uno strappo di marca Avellino solo sul finire quando si prende il vantaggio con un parziale di 17-14 a rappresentare una distanza quasi nulla. Altro giro e stesso discorso per la successiva e rapida ripresa. Un bel botta e risposta che dimostra quanto entrambe le squadre ci tengano a non sbagliare nemmeno un dettaglio, vista anche e soprattutto l’alta posta in palio proposta dalla partita. Si va praticamente all’unisono fino a quando la storia si ripete nuovamente sulle battute conclusive del periodo, in cui i campani effettuano un allungo che la Viola non riesce a replicare e contenere. Il divario viene allungato a 9 punti di vantaggio per i padroni di casa ed un 40-31.

Ormai non bisogna più sorprendersi, perché sempre e comunque la Viola in stagione un modo per risollevarsi lo trova comunque. Eccola materializzarsi nuovamente la grande grinta neroarancio, che spinge Barrile e compagni a sistemare la situazione nel terzo quarto. Si arriva al primo parziale in favore degli ospiti proprio allo scadere del periodo. Un 47-50 costruito con la giusta attitudine reggina spalanca le porte di un ultimo quarto davvero esaltante, ma allo stesso tempo carico di tensione. Le due squadre continuano a viaggiare su ritmi constanti tra di loro. Avellino appare maggiormente determinata nel non lasciarsi sfuggire una partita che chiaramente rappresenta l’ultima possibilità di prolungare ancora la serie. Una benzina in grado di concedere addirittura una marcia in più ai campani, abili a cancellare lo svantaggio e risorpassare con forza gli uomini di coach Bolignano già nei primi minuti del quarto. Sulla sponda ospite, però, mollare non è né una parola esistente e nemmeno un’attitudine possibile, dunque si resta in bilico fino alla sirena con un pazzesco 67-67.

Una contesa infinita che si protrae così all’overtime. E anche qui, ammesso che ci fosse il bisogno di sottolinearlo, è una sfida letteralmente punto a punto. Nessuna delle due squadre molla di un centimetro. Solo la provvidenza può decidere in un senso o in un altro il destino e lo fa quando nell’istante conclusivo arriva il canestro decisivo per Avellino firmato Riccio. Punti che valgono il 79-78 finale e una vittoria per una sola lunghezza che significa parità assoluta nella serie. Servirà gara 5 per decidere chi avrà la meglio.

Perdere così, in una partita equilibrata quanto pazza, fa male e non potrebbe essere altrimenti. Essere ad un passo dalla vittoria e nell’ultimo attimo farsi portare via un successo che già stai assaporando rappresenta una botta psicologica da dover attutire e non sarà facile per la Viola. Conta, naturalmente, focalizzarsi sul prossimo obiettivo. Eccola la partita del PalaCalafiore, mercoledì 26 maggio alle 18: conterà non sbagliare nemmeno il più piccolo dei dettagli. 

Il tabellino

Scandone Avellino - Pallacanestro Viola Reggio Calabria 79-78 (17-14, 23-17, 7-19, 20-17, 12-11)

Scandone Avellino: Dimitri Sousa 16 (5/10, 2/10), Gianpaolo Riccio 14 (3/7, 1/3), Alessandro Marra 13 (5/5, 1/9), Uchenna Ani 11 (2/4, 1/3), Thomas Monina 7 (3/7, 0/0), Valerio Costa 7 (2/7, 1/1), Fabrizio Trapani 5 (1/1, 1/2), Danilo Mazzarese 4 (0/0, 1/1), Nikola Mraovic 2 (1/1, 0/1), Carmine Scianguetta 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 11 / 20 - Rimbalzi: 47 11 + 36 (Thomas Monina 13) - Assist: 19 (Valerio Costa 7)

Pallacanestro Viola Reggio Calabria: Yande Fall 19 (8/13, 0/0), Fortunato Barrile 14 (3/9, 2/5), Giulio Mascherpa 13 (2/8, 1/7), Salvatore Genovese 12 (3/11, 2/7), Enrico maria Gobbato 9 (3/7, 1/4), Luka Sebrek 6 (3/5, 0/0), Edoardo Roveda 3 (1/9, 0/3), Marco Prunotto 2 (1/2, 0/0), Paolo Frascati 0 (0/0, 0/0), Federico Romeo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 14 - Rimbalzi: 60 25 + 35 (Yande Fall 27) - Assist: 10 (Giulio Mascherpa 4)

Foto tabellino: sito ufficiale Lega Pallacanestro

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gara 4 equilibrata e pazza: la Viola perde all’overtime contro Avellino e la salvezza attende

ReggioToday è in caricamento