Scagliola pronto a volare col windsurf sulle onde: "Il 2020 sarà un anno fondamentale"

Dopo un 2019 da incorniciare, con il doppio titolo europeo e mondiale categoria Youth, il giovane sportivo si prepara alla nuova stagione

Francesco Scagliola

Francesco Scagliola è pronto a sfidare il vento affrontando le onde della nuova stagione sportiva. Sarà un anno particolarmente importante quello che attende il giovane talento reggino, reduce dal doppio titolo europeo e mondiale (categoria Youth) ottenuto nel 2019.

"Sono davvero soddisfatto, - ha dichiarato Scagliola - non pensavo di ottenere questi risultati nel 2019. Guardo con ottimismo ed entusiasmo alla nuova stagione, nei prossimi giorni inizierò la preparazione in vista di un anno davvero intenso e ricco di competizioni".

Il ‘giro del mondo’ vedrà il giovane talento reggino a Tenerife, in Spagna, per l’inizio della preparazione. Il primo appuntamento da segnare su un calendario fitto di impegni è per la fine di marzo. La stagione agonistica si aprirà in Francia per raggiungere poi Giappone, Korea, Spagna, Grecia e Croazia.

"Il 2020 sarà una stagione davvero importante. Punto a seguire il circuito dei professionisti partecipando a tutte le tappe, continuando così il mio percorso di maturazione. Questo inoltre sarà l’ultimo anno in cui sarò presente nella categoria Youth, dopo i risultati ottenuti nella passata stagione punto a rinconfermarmi. Le gare per i titoli europei e mondiali -sottolinea Scagliola- si disputeranno in Italia, stimolto  ulteriore per far bene".

Il surfista non si nasconde, e punta chiaramente a confermarsi dopo il doppio titolo ottenuto nel 2019. Scagliola si sofferma sui particolari da migliorare in vista della nuova stagione.

"La componente mentale è decisiva, si tratta di un aspetto che sto curando con particolare attenzione. Quando ero più giovane mi facevo trasportare facilmente dalle emozioni, adesso invece ho più consapevolezza Quando mi alleno dò tutto, cosi so di aver dato il 100% delle mie possibilità. Poi ci sono variabili che sfuggono al mio controllo, particolari indipendenti dal mio impegno e sui quali non posso intervenire. L’importante è non avere rimpianti ed essere consapevoli di aver espresso il massimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La morte di Carlo Alberto non sarà vana: espianto salverà vita a bimba di 10 anni

  • Incidente a San Leo, morto il ragazzo gravemente ferito: donati gli organi

  • Non si fermano all'alt sulla Nazionale, inseguiti si schiantano contro un palo: un ferito grave

  • Dramma della solitudine a Locri, anziana trovata morta in casa dai vigili del fuoco

  • E' il giorno del dolore, lacrime e applausi al funerale di Carlo: "Ha amato la vita fino all'ultimo"

  • Pericoloso "ragno vagabondo" scoperto e catturato dentro un container a Gioia Tauro

Torna su
ReggioToday è in caricamento