Mercoledì, 22 Settembre 2021

"Ora e sempre viva Maria": la città accoglie la sua Avvocata |VIDEO

Il Quadro è arrivato sul bus cabrio dell'Atam, ad attenderlo in Cattedrale l'arcivescovo Fortunato Morrone e le autorità cittadine. Resterà sino al 21 novembre

Le grandi porte del Duomo sono aperte per accogliere la Madre, Maria Madonna della Consolazione. E' sabato di Festa per Reggio e la città, che sente molto il legame con la sua Avvocata, attende l'arrivo in Cattedrale. Lo scorso anno a causa della pandemia i fedeli non poterono assistere all'arrivo di Maria e adesso, anche se con misure ristrette, c'è grande attesa ed emozione. In piazza Duomo c'è gente, ma non la folla abituale, segno che i reggini hanno accolto l'invito delle autorità a rispettare le norme di sicurezza anticovid.

Il percorso sul bus

Madonna Consolazione bus 02-2

Proprio per questo la tradizionale processione non si è svolta e il Quadro è stato trasportato dal bus cabrio dell'Atam, scortato dalla polizia che ha scelto, tra i tanti percorsi possibili, quello più indicato per evitare assembramenti: l'autostrada, via Lia, nuovamente autostrada fino alle bretelle del Calopinace dove ha imboccato via San Francesco da Paola sino al Duomo. (foto in alto di Salvatore Aroi)

Attende l'arcivescovo Fortunato Morrone, per la prima volta a vivere questo giorno di festa. C'è anche il sindaco Giuseppe Falcomatà per la consegna del Quadro e si inginocchia e prega davanti alla Madonna. Sono le 8:40 quando la madre celeste dei reggini entra in Duomo ed il canto l'accoglie: “Consolatrice nostra il viso tuo ci mostra, sorridoci qual Reggio ti pensa e ti ama”.

Si procede verso l’altare: davanti al Quadro, accompagnato dai padri Cappuccini e da alcuni portatori, c'è  l’arcivescovo e il Capitolo. Arrivati sul presbiterio, davanti all’altare, la tradizione consegna della Sacra Effigie dai padri Cappuccini all’arcivescovo Morrone. Poi è il padre provinciale Pietro Ammendola a parlare e rivolge anche un augurio al presule della diocesi di Reggio Calabria-Bova. 

Si prega mentre i portatori sistemano il Quadro nella cornice dove i fiori anthurium rosa e roselline abbelliscono ancora di più il prezioso sito, dove resterà fino al 21 novembre. Si canta Salve O Regina. 

E' mons. Morrone a pregare davanti alla Madonna. Si rivolge a Lei, la chiama: “Maria Santissima, madre nostra, sorella nel nostro cammino, donna forte aiutaci in questo nostro itinerario ecclesiale per stare al passo di tuo figlio, nostra verità e vita. Maria donna della gioia e madre della Consolazione ti affidiamo i più fragili come anche i più forti, ti affidiamo gli amministratori, guidaci quando siamo abbattuti per le ingiustizie, di fronte alle tante difficoltà delle nostra esistenza. Sappiamo che Dio agisce e niente gli è impossibile, come te, diciamo sì ci sono, faccio la mia parte. Il Dio che tu hai creduto è il Dio che si prende cura di tutti i suoi figli e le sue figlie e ha stima di noi e non si stanca di camminare con noi”. Poi dopo le litanie, mons. Morrone impartisce la benedizione ai fedeli e augura buona festa. 

L'accesso in Cattedrale ai fedeli

Conclusa la preghiera, adesso, sarà lasciato spazio all’omaggio personale dei fedeli che potranno sostare in preghiera davanti al Quadro. Le procedure di accesso alla Cattedrale sono le stesse dello scorso anno, in pieno rispetto delle norme anticovid. Alle 12.30 la Cattedrale chiuderà, per poi riaprire alle 15,30.

Anche oggi pomeriggio, a partire dalle 15,30 sarà possibile entrare in Duomo per sostare in preghiera. Alle 17 avrà luogo la celebrazione eucaristica animata dalla sezione locale dell’Unitalsi e alle 19 la Santa Messa presieduta dall’arcivescovo emerito di Reggio Calabria – Bova, Giuseppe Fiorini Morosini. Dopo le messe sarà possibile recarsi in Duomo per sostare in preghiera davanti al Quadro fino alle 21,30, orario di chiusura della Cattedrale.

Si parla di

Video popolari

"Ora e sempre viva Maria": la città accoglie la sua Avvocata |VIDEO

ReggioToday è in caricamento