rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cultura

"Un cerchio da cui non c'è via d'uscita": gruppo di scienziati studia la sottocultura calabrese

Una spedizione scientifica che si è svolta a Reggio Calabria ha riunito scienziati provenienti da Ucraina, Stati Uniti e Germania per studiare la filosofia e la psicologia della sottocultura criminale calabrese

E' finita una spedizione scientifica che si è svolta a Reggio Calabria la scorsa settimana e ha riunito scienziati provenienti da Ucraina, Stati Uniti e Germania. Durante le tre settimane, un gruppo di scienziati sotto la guida di un accademico dell'Accademia delle scienze Ucraina Oleg Maltsev, hanno studiato la filosofia e la psicologia della sottocultura criminale calabrese della ‘Ndrangheta. Sembrerebbe ci sono scritti molti libri e film di questa organizzazione, ma la maggior parte degli esperti concordano sul fatto che ci sono lacune significative in questi studi. Forse i meno studiati sono la filosofia e la psicologia di questa sottocultura. 

Il professor Antonio Nicaso non ha bisogno di presentazioni speciali in Calabria. Tuttavia, è stato questo esperto internazionale nella lotta contro la criminalità organizzata, sta esercitando il grande ruolo nella spedizione calabrese. “Io e il dottor Oleg Maltsev condividiamo la stessa passione come scienziati. Esploriamo sottocultura criminale in diverse parti del mondo. Siamo interessati alla loro storia, ai motivi, ai metodi di distribuzione e ai meccanismi di potere. E credo che tale approccio di ricerca sia il modo più efficace per combattere la criminalità internazionale”, con queste parole, alla fine di ottobre 2019, il professor Antonio Nicaso ha continuato la sua visita ufficiale a Odessa. Antonio Nicaso è arrivato in Ucraina per incontrare Maltsev e dopo 2 mesi gli scienziati si sono incontrati di nuovo. Questa volta l’incontro era a Reggio Calabria, dove era la base scientifica di spedizione gruppo.

Gerace, Stillo, Aspromonte: ?’è un elenco incompleto di città visitate dalla spedizione durante questa spedizione calabrese. Anche la era non senza un viaggio dell'isola sacra di Favignana, che occupa un posto centrale della leggenda delle origini di Ndrangheta. Tuttavia, il test principale per Spedizione gruppo fu una visita al tempio di Madonna di Polsi, che è considerata la patrona principale della sottocultura criminale calabrese. Nonostante la pioggia, la grandine, le forti frane, la neve e la nebbia, il gruppo di scienziati ha condotto le ricerche necessarie sul cuore simbolico del’Aspormonte. Secondo Maltsev senza visitare il tempio della Madonna di Polsi sarebbe stato impossibile scrivere il libro "Filosofia del Sud Italia". Secondo Nicaso, nessuno ha mai provato a scrivere un lavoro scientifico e in questo senso Maltsev è primo scienzato. Probabilmente questo fattore particolare di novità è stato il motivo della massima assistenza di Antonio Nicaso. Ad esempio, il professor Nicaso ha creato condizioni uniche per il lavoro del Spedizione gruppo nell'archivio di Stato di Reggio Calabria, che contiene documenti risalenti al 1800.

“Nell'archivio abbiamo trovato le fotografie uniche dell’arma calabresa del XVIII e XIX secolo, utilizzate da rappresentanti della sottocultura criminale locale. Come previsto, tutte le armi si sono rivelate spagnole, dai pugnali per la macellazione dei tori alle picchi normanni. Disegni e fotografie sono stati trovati nell'archivio che indicano che ‘Ndrangeta utilizzava asce, oltre a qualcosa come un machete africano. Ciò è chiaramente dimostrato nelle fotografie di casi penali. Abbiamo anche appreso che a un certo punto della storia di ‘Ndrangheta aveva una scuola della scherma segreta. Ciò è stato confermato da una serie di concetti di ricerca che ho sviluppato in precedenza”, ha detto Maltsev a ReggioToday.

Vale la pena notare che questa è la quinta spedizione scientifica in Calabria sotto la guida di Maltsev. Tuttavia, per la prima volta, le forze di spedizione hanno condotto ricerche direttamente a Regio Calabria, Stillo e Aspromonte. Quindi, al momento, si può affermare che è stato studiato l'intero territorio della provincia di Calabria e gli oggetti necessari per lo studio della filosofia e della psicologia della ‘Ndrangheta. Secondo il professor Vitaly Lunev, il volume di materiali attualmente sono disponibili con l’aiuto di Spedizione gruppo consente di creare una sensazione internazionale nel mondo accademico: “Questi sono studi assolutamente incredibili all'intersezione di molte scienze: psicologia, filosofia, storia, sociologia, criminologia, medicina legale, antropologia. E questa non è una lista esaustiva. La metodologia di ricerca e la metodologia del Ph.D Oleg Maltsev hanno permesso di raccogliere tutte queste discipline su un unico palco al fine di risolvere i grandiosi compiti di ricerca della Ndrangheta e di altri fenomeni dell'Italia meridionale”.

Nel 2020 Maltsev ha annunciato l'uscita di una serie di lavori dedicati alla Calabria. In primo luogo, stiamo parlando di un documentario e un libro intitolato "Filosofia del Sud Italia", che hanno in programma di pubblicare in 4 lingue. In secondo luogo, come Direttore della Società di Odessa dei fotografi, Maltsev ha in programma di organizzare un progetto su larga scala "Filosofia del sud Italia nella versione fotografica". Anche durante la spedizione in Calabria, un gruppo di scienziati hanno sviluppato una direzione completamente nuova nella scienza accademica: «Psicologia simbolica" e «Filosofia simbolica". Di conseguenza, verranno scritti due libri: "Psicologia simbolica" e "Simbolo: dal misticismo alla filosofia", dedicato ai misteri dei simboli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un cerchio da cui non c'è via d'uscita": gruppo di scienziati studia la sottocultura calabrese

ReggioToday è in caricamento