Sabato, 20 Luglio 2024

VIDEO|"Maledetta prima ora", torna l'insegnante disperato Caccamo alle prese con l'orario scolastico

Il video social sta già facendo il pieno di click

Sta già facendo il pieno di click a suon di risate il nuovo video del reggino Filippo Caccamo. Dopo  "Sarà perchè insegniamo" dedicato ai deliranti momenti legati all'inizio dell'anno scolastico, l'insegnante disperato star dei social ha pubblicato "Maledetta prima ora" che ha presentato insieme al post con scritto: "Con questa canzone, e con il cuore che scoppia di emozione, vi annuncio che è pronto ufficialmente il mio nuovo spettacolo dal 31/12, per tutto l’anno scolastico, in tutta Italia".

Il brano sulle note di "Maledetta primavera", portata al successo da Loretta Goggi, descrive la situazione di molti docenti alle prese con gli orari scolastici:  "Voglia di insegnare e poi e si rideva di noi che orario era maledetta prima ora. Che resta di un giorno libero se  l'orario definitivo è un dramma, se chiedo un'ora a te non sai che fare, fammi una sostituzione" solo per citare alcune parti dell'inizio e ancora:  "Se per sostituirti ancora firmerò maledetta prima ora speriamo che per sostituirti basti un'ora che fretta c'era maledetta prima ora, che fretta c'era ma le firmo solo io". Nuovo brano questo destinato a diventare un successo soprattutto tra gli insegnanti e gli utenti che non tardano a commentare: "Avevamo bisogno di questa canzone? No. La adoriamo già dopo 1 ascolto ? Sì"; "Meglio la prima dell’ultima, almeno dormono"; "Ministro dell'istruzione subito!"; "Una prece per chi fa gli orari dell'Istituto e per chi dispone le sostituzioni. Cerchiamo di fare il possibile siate comprensivi, perché il lavoro che ci sta dietro (ore e ore con tutti gli incastri di chi lavora su altre scuole) manco ve lo immaginate"; "Fantastico!Comunque gli orari sono come il buffet al ristorante: tirano fuori il peggio di noi !"; "Da ex orarista applaudo! Fare orario e sostituzioni è davvero un lavoro di m...."; giusto per citarne qualcuno.

Video popolari

ReggioToday è in caricamento