Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Pagellone Reggina 2020-’21, la difesa: Stavropoulos e Di Chiara in risalto più di tutti

Riviviamo la stagione amaranto, un protagonista alla volta. Oggi tocca ai difensori. Alto rendimento per il terzino italiano ed il centrale greco, entrambi arrivati la scorsa estate

Esultanza amaranto con Gianluca Di Chiara in primo piano

Rocciosa e granitica. Nel calcio italiano prima affibbi questi aggettivi alla tua difesa e poi ti concentri su altro. Senza una fase di non possesso in grado di arginare e talvolta annullare la manovra avversaria non si va da nessuna parte. Allora, succede che in ogni stagione positiva, la prima linea davanti al portiere riceve voti soddisfacenti e non potrebbe essere altrimenti.

La difesa della Reggina, nelle prime e sfortunate fasi del campionato, aveva un problema fondamentale: accettare l’abbassamento del baricentro, difendendosi troppo vicino alla propria area di rigore. Per caratteristiche, le retrovie amaranto soffrivano tale attitudine. Un nuovo atteggiamento, più votato ad alzarsi serviva come il pane. Baroni è riuscito a metterlo in pratica, andando poi a raccoglie i frutti a fine annata. 45 gol subiti non sono pochi, a dimostrazione come gli amaranto abbiamo pensato molto ad attaccare, provando a segnare una rete in più degli avversari. Ma tra l’inizio di campionato claudicante e l’ultima partita ininfluente persa 4-0 contro il Frosinone, il dato è gonfiato. Migliorare si può, ma la base c’è.

Venendo ai singoli, ci sono due elementi che spiccano sugli altri. E guarda caso sono entrambi acquisti del mercato estivo, a dimostrazione che non tutto ciò che è venuto da agosto era da buttare. Per informazioni più dettagliate chiedere a Di Chiara e Stavropoulos.

I voti

reggina-monza stavropoulos dimitrios e barillà antonino-2Stavropoulos 7: Fisicamente superiore, ottima lettura del gioco e tempi d’intervento quasi mai sbagliati. Sicuramente la sorpresa più grande nel reparto amaranto, una certezza da blindare per i prossimi anni. La difesa deve ripartire da lui come perno principale.

reggina_vicenza dalle mura 01-2Dalle Mura 6: Baroni lo lancia definitivamente in una partita di alto livello: al Granillo contro il Chievo. Lui risponde con una prestazione autorevole e mettendo in mostra quel mancino da registra che si ritrova. Un pizzico di discontinuità sul finire dell’annata, ma la sua età lo giustifica. Il ragazzo si farà.

reggina_reggiana cionek 02-2Cionek 6.5: In difesa serve sempre l’uomo esperto, che ne ha viste e affrontate tante. Trova anche un gol, a dimostrazione che di testa è pericoloso. Qualche sbavatura resta soprattutto in fase d’impostazione, ma non è quello i il suo compito principale.

reggina-empoli loiacono giuseppe-2Loiacono 6.5: Il Capitano, sì quello con la C maiuscola. Sempre fondamentale per il gruppo, sia in campo quanto nello spogliatoio. Probabilmente si aspettava un minutaggio più elevato, ma la continua crescita di Stavropoulos l’ha limitato. Ogni volta che è stato chiamato in causa, ha risposto con le spalle larghe e l’attitudine di chi è nato vero difensore.

reggina_ascoli di chiara 03-2Di Chiara 7: Fondamentale per il gioco di Baroni, ha arato la fascia sinistra come se non ci fosse un domani. Avanti sempre pericoloso con i suoi cross, indietro abile con chiusure attente e posizionamento mai banale. Si dovrà fare di tutto per trattenerlo ancora a Reggio.

reggina_reggiana liotti 01-2Liotti 6.5: I sei mesi dello scorso campionato l’avevano esaltato, ma poi non ha trovato continuità nella seconda parte della stagione 2020-’21. La maglia da titolare trovata solo in frangenti estemporanei. Difficile fare concorrenza a Di Chiara. Ma come scordarsi di quei cinque gol? Lui è stato uno dei pochi a salvarsi nelle difficoltà d’inizio annata, dimostrandosi all’altezza dell’ambizioso progetto Reggina.

reggina_ frosinone delprato-2Delprato 6: Intraprendente e duttile. Ha bisogno, però, di una costanza di minutaggio che con l’arrivo di Baroni non ha sempre trovato. A volte si isola fuori dal gioco, ma quando si accende può mettere in crisi chiunque, anche da centrocampista. Le doti non gli mancano, deve solo continuare a farsi le ossa.

reggina_ascoli lakicevic 01-2Lakicevic 6: “Questa squadra deve giocare i playoff”. Una dichiarazione apparentemente folle, ma la sua è stata una previsione quasi azzeccata. Lungimirante fuori, infaticabile dentro il campo. Non è riuscito, però, ad incidere con insistenza nella fase offensiva. Il miglioramento partirà da qui.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pagellone Reggina 2020-’21, la difesa: Stavropoulos e Di Chiara in risalto più di tutti

ReggioToday è in caricamento