Sport

Verso il derby Reghion-Messina, Ameri: "Importante impostare un gioco differente"

Partita di cartello in B1 dove le reggine ospitano l'Akademia nell'attesissima sfida di ritorno. Per la giocatrice Alessia Ameri sarà "una partita diversa dall'andata"

Alessia Ameri

Il periodo, considerando le quattro sconfitte consecutive, è negativo ma il bello dello sport sta nel guardare sempre avanti e alla prossima sfida per riscattarsi e riprendere il cammino. Uno scenario che vuole concretizzare a tutti i costi la Volley Reghion, pronta dare battaglia domani pomeriggio all'Akademia Sant'Anna Messina, nel sempre avvincente derby dello Stretto.

Lasciata alle spalle l'ultima sconfitta contro la Pallavolo Sicilia, le ragazze di mister Monopoli approcciano la prossima e ormai imminente gara con i favori del pronostico stando a quanto successo all'andata e complessivamente nei tre precedenti tutti a tinte dei biancoblu.

Primo obiettivo per la Reghion sarà di interrompere la striscia negativa e farlo nella partita più sentita dell'anno è certamente una motivazione in più. Alla vigilia del derby l'ufficio stampa biancoblu ha raccolto le sensazioni di Alessia Ameri. La giocatrice si aspetta "una partita molto difficile, diversa dall'andata, in quanto le nostre avversarie, dopo quello stop, hanno inanellato successi importanti e ciò ha creato sicurezze e serenità. Noi, invece, abbiamo avuto un percorso inverso, perché ci siamo spente strada facendo. Servirà concentrazione, lucidità e quel pizzico di cinismo che spesso ci mancano sui finali dei set. In aggiunta credo abbiamo necessità di crescere in tutti i fondamentali e sarà importante impostare un gioco differente dalle ultime gare in cui, come si è visto, abbiamo rimediato sconfitte amare ed evitabili a mio avviso.

Non mi piace - aggiunge - usare frasi di circostanza, pertanto dico che il sorriso, al momento, lo si potrà raggiungere solo se cominciamo a giocare da squadra e a ritrovare la strada della vittoria. Non c'è più tempo per rimorsi e rimpianti. Questa gara diventa l'ultima chance per poter sperare di agguantare una posizione utile per i playoff, diversamente ci dovremo accontentare di una mesta salvezza. Le vere campionesse non si accontentano mai.

La Reghion - puntualizza la giocatrice - è stata l'unica società che è riuscita a convincermi a giocare in B1, cosa per me esclusa ad inizio stagione, ma che, anche a causa del virus, era diventata una possibilità per non fermarsi completamente. Ho trovato un ambiente accogliente e che mi ha dato la possibilità di potermi dividere con altri miei impegni. Sono grata quindi alla società e, soprattutto, al presidente perché non mi ha fatto mancare nulla. Vorrei riuscire a ricambiare - conclude Alessia Ameri - la loro fiducia attraverso le vittorie sul campo ma, in quel caso, non dipenderà solo da me."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso il derby Reghion-Messina, Ameri: "Importante impostare un gioco differente"

ReggioToday è in caricamento