Celebrazione all'Eremo nello spirito di fraternità e di devozione alla Santa Croce

La santa messa è stata officiata da monsignor Nunnari, arcivescovo emerito di Cosenza – Bisignano, e organizzata del coordinamento Calabria del sacro militare Ordine costantiniano di San Giorgio

Una santa messa nello spirito di fraternità e di devozione alla Santa Croce celebrando il dono dell’amore di Dio. Un amore che niente può fermare e che deve essere messo a disposizione dell’altro, specie dei più bisognosi. Sabato, nella Basilica dell’Eremo “Santa Maria della Madre della Consolazione”, è stata officiata la concelebrazione eucaristica, presieduta da monsignor Salvatore Nunnari, arcivescovo emerito di Cosenza – Bisignano, organizzata del coordinamento Calabria, che fa capo alla delegazione della Tuscia e Sabina del sacro militare Ordine costantiniano di San Giorgio.

Nella riflessione condotta durante la santa messa, le dame, i cavalieri ed i postulanti dell’Ordine uniti nel vincolo religioso, hanno ribadito la propria struttura, la propria comunità, all’interno della quale si sono stabiliti legami forti, scelti nel momento in cui si è accettato di farne parte. Attraverso il valore eucaristico del rito, l’Ordine ha voluto sottolineare la prerogativa religiosa che nutre, accresce e promuove la propria forte connotazione cristiano-cattolica ed il proprio radicato legame con la dottrina e la liturgia della Chiesa. I membri dell’Ordine inoltre, vivendo una vita pienamente cristiana, sono tenuti nelle loro azioni ed attività a sostenere le importanti missioni sociali di assistenza ospedaliera e di carità.

E proprio nel soccorrere i più bisognosi e sulla necessità di creare un popolo cosciente e responsabile capace di affrontare i problemi e tendere la mano verso il suo prossimo, si è soffermato monsignor Salvatore Nunnari che postilla: "I cavalieri dell’Ordine hanno un duplice compito: servire Dio, con la propagazione della fede e la glorificazione della croce e servire l’uomo, con la carità espletata, in particolar modo, con opere di assistenza sociale e ospedaliera".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine della messa, è stata data lettura della preghiera del cavaliere costantiniano, scritta dal cardinale Antonio Innocenti, che fu gran priore onorario dell’Ordine e balì gran croce di giustizia decorato con il collare, nella quale emerge la figura dei cavalieri che diventano “armatura di fede e scudo di buona volontà” per realizzare la pace.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, in Calabria 11 nuovi casi e focolaio a Reggio dopo un apericena: 8 i positivi

  • Covid, ordinanza della Santelli: obbligo di mascherine e tamponi per chi rientra da 4 Paesi

  • Covid, focolaio dopo una festa di compleanno: i titolari del Papo's Cafè fanno chiarezza

  • Comunali, Falcomatà presenta la lista Innamorarsi di Reggio: i nomi dei candidati

  • Coronavirus, da positivo a negativo medico del Grande ospedale metropolitano

  • Rientri, sbarchi e assembramenti: nuova ordinanza della Regione Calabria

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento