rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
Occhio alle nuove regole

Reddito di cittadinanza: senza green pass si perde il sussidio

Dal 1° febbraio 2022 scatta l'obbligo del green pass light per accedere agli uffici pubblici, compresi i Centri per l'impiego

No green pass, no reddito di cittadinanza. Sulla base del restyling del sussidio approvato con la legge di Bilancio e dell'ultimo decreto legge contenente misure anti Covid, emergono importanti novità per i beneficiari del reddito di cittadinanza. Andiamo per ordine.

Come cambia il reddito di cittadinanza nel 2022

La Manovra 2022 ha introdotto una serie di modifiche al reddito di cittadinanza, al fine di evitare che il sostegno economico di contrasto alla povertà venga percepito da chi non ne ha diritto o da chi non ha voglia di reinserirsi nel mondo del lavoro. Prima di tutto è stato riscritto il discorso dei rifiuti legati alla perdita del sussidio. Fino all'anno scorso il diritto al sostegno economico decadeva al terzo rifiuto, da gennaio ne bastano solo due. Dopo il primo "no" all'offerta di lavoro, però, scatta il decalage, ossia la riduzione di 5 euro per ciascun mese. E' stata poi ridotta ad 80 da 100 km la distanza ritenuta congrua per la prima offerta di lavoro. Per evitare che il reddito di cittadinanza venga percepito da chi è in carcere o agli arresti domiciliari o da chi lavora in nero, invece, è stato disposto l'obbligo da parte dei beneficiari di recarsi almeno una volta al mese in presenza presso i Centri per l'impiego (Cpi) per partecipare ad attività e colloqui. Proprio sulla base di questa disposizione nasce il legame tra reddito di cittadinanza e green pass.

Le nuove regole anti Covid

Il decreto legge del 7 gennaio 2022 ha introdotto l'obbligo del green pass base per accedere agli uffici pubblici a partire dal 1° febbraio. Ciò sta a significare che i beneficiari del reddito di cittadinanza chiamati in presenza nei centri per l'impiego, dovranno necessariamente esibire il green pass base. Il certificato in questione si ottiene solo in caso di avvenuta guarigione dal Covid, di tampone negativo o di certificato di vaccinazione. Senza il green pass base non si potrà entrare nei Cpi e quindi si perderà il diritto al reddito di cittadinanza, poiché il mancato rispetto dell'obbligo di frequentazione dei Centri per l'impiego prevede l'immediata sospensione del sussidio. Da sottolineare che questa regola vale solo per i percettori del reddito di cittadinanza che possono lavorare e sottoscrivono il Patto per il lavoro. Attenzione poi alle multe: a partire dal 1° febbraio 2022 gli over 50 che si recheranno negli uffici pubblici, compresi i Cpi, se non vaccinati rischiano una sanzione di 100 euro per aver violato l'obbligo vaccinale.

(fonte Today.it)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza: senza green pass si perde il sussidio

ReggioToday è in caricamento