rotate-mobile
Sanità

Specializzandi, Bruni: "Non potranno essere assunti, finalmente la verità"

La vicepresidente della commissione sanità ancora contro la manifestazione d'interesse della Regione

"Finalmente chiarezza da parte della Regione sulla vicenda degli specializzandi". Lo sostiene Amalia Bruni, vicepresidente della sommissione sanità in consiglio regionale.

In una nota la consigliere di opposizione commenta la nota della presidente della commissione sanità dove si dice che i 370 specializzandi che hanno dato la loro disponibilità non potranno essere assunti perché quella manifestazione d’interesse aveva uno “scopo puramente esplorativo mentre le assunzioni a tempo indeterminato avvengono tutte attraverso l’espletamento di concorsi pubblici”.

Commenta Bruni in un comunicato: "La verità quindi arriva con sei mesi di ritardo ma ad agosto, sull’onda dell’euforia per l’accordo stipulato con i medici cubani, il commissario Occhiuto aveva presentato questa iniziativa come una svolta positiva per il problema carenza di medici facendo ricorso appunto alla volontà degli specializzandi di aderire alla manifestazione d’interesse, confondendo, di fatto, una semplice manifestazione con un bando che è cosa ben diversa".

Amalia Bruni si era già espressa in merito proprio la scorsa estate parlando di quella manifestazione d'interesse come del’ennesimo "disperato tentativo di distrazione di massa". La norma infatti consente all'azienda aanitaria e ospedaliera, all'atto della indizione di un concorso di prevedere anche la partecipazione di specializzandi al terzo anno di frequenza. In tal caso vengono effettuate due graduatorie, la prima per gli specializzati e la seconda per gli specializzandi, con ovvio diritto di precedenza per i primi. E con lei avevano espresso gli stessi dubbi procedurali i sindacati di categoria e l’ordine professionale. "Ribadisco - dice la consigliera - ancora una volta quello che ho espresso chiaramente lo scorso agosto. Visto che non possiamo e non vogliamo aggirare le regole dobbiamo sapere che gli specializzandi si possono assumere, così come stanno le cose, solo per concorso, prima a tempo determinato e, finita la specializzazione, senza alcun nuovo concorso, a tempo indeterminato. Manifestazioni di interesse pubblico o altre invenzioni - prosegue - sono strumenti per comprendere se c’è un interesse e quanto questo sia da un punto di vista numerico ma le norme esistono e vanno seguite con chiarezza e senza fraintendimenti. La Calabria ha bisogno di competenze, professionalità e valore. I giovani specializzandi rappresentano sicuramente tutto ciò".

Si conclude la nota di Amalia Bruni: "Chiediamo dunque con forza che vengano istruiti i concorsi che possano farli giungere nei nostri ospedali e che le università non frappongano ostacoli. Questo ci consentirà di affrontare e, speriamo, progressivamente risolvere la drammatica fase che la nostra sanità sta attraversando”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Specializzandi, Bruni: "Non potranno essere assunti, finalmente la verità"

ReggioToday è in caricamento