rotate-mobile
L'analisi

Autonomia, Occhiuto: "Si raccolga la sfida senza farsi fregare"

Il presidente della giunta regionale, in un'intervista ad un quotidiano nazionale, analizza la riforma alla luce dell'incontro in Cittadella con il ministro Calderoli

"Sì all'autonomia differenziata, ma a patto che siano garantiti anche gli obblighi previsti dalla Costituzione. Quindi si deve fare insieme ai Lep e alla perequazione. Negli ultimi due decenni si è consolidato il criterio della spesa storica per i Lep e nessuno si è mai impegnato per superarlo, come per la perequazione, mentre negli ultimi mesi se ne sta parlando come mai negli ultimi vent'anni. Mi sembra un dato positivo". Lo afferma in un'intervista alla Stampa il governatore della Regione Calabria Roberto Occhiuto (Forza Italia), che ieri ha incontrato il ministro degli Affari regionali e l'autonomia, Roberto Calderoli, a Catanzaro.

Secondo Occhiuto l'autonomia differenziata non sarà uno 'scalpo' leghista: "Assumere una posizione di preconcetta contrarietà senza discutere non ha prodotto alcunché. Dobbiamo cogliere la sfida ma imporre innanzitutto i diritti dei cittadini. Spesso chi governava al Sud aveva un approccio difensivo o rivendicativo, e cosa ha prodotto? Solo sperequazione. Io vorrei dimostrare che c'è un Sud che sa cogliere la sfida senza farsi fregare, cercando di ottenere il meglio dall'autonomia differenziata".

"Chi gioca di rimessa senza proporre alternative - prosegue Occhiuto - finisce male. In passato non solo non hanno raccolto la sfida, ma si sono sempre fatti fregare. Io ho grande fiducia nell'intelligenza di Calderoli".

In merito alla posizione di Forza Italia sulla riforma, Occhiuto ammette che "non c'è unanimità, il governatore del Piemonte Cirio è uno dei più attivi sull'autonomia. Non c`è un'unica posizione, ma è prevalente l'atteggiamento di chi dice che l'autonomia va realizzata solo insieme a Lep e perequazione. Non dimentichiamo che Forza Italia ha quattro governatori al Sud, qui c'è la sua cassaforte elettorale: in Calabria abbiamoavuto il 16% alle elezioni politiche, il doppio del dato nazionale, quindi le preoccupazioni delle regioni del Sud sono tenute in grande considerazione".

Infine un commento sulla proposta di riforma sul presidenzialismo che la ministra Casellati ha annunciato per giugno. Ma non doveva viaggiare insieme all'autonomia?, gli viene fatto notare. "Bisogna chiederlo a Giorgia Meloni - risponde Occhiuto -, è un aspetto che è in capo al presidente del Consiglio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autonomia, Occhiuto: "Si raccolga la sfida senza farsi fregare"

ReggioToday è in caricamento