menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni comunali, Patto Civico: "Perchè si avveri il sogno di una Reggio che riparte"

Il Laboratorio entra nella competizione elettorale con Maria Laura Tortorella, prima donna reggina candidata sindaco. Al suo fianco "una serie di persone che si contraddistinguono per provata onestà, competenza e spirito di servizio"

"Nessuno può continuare a nascondere le condizioni di estremo abbandono in cui versa la nostra amata Reggio Calabria. Lunghi anni di malgoverno caratterizzato ora più da connivenze e contiguità criminali, ora più da incapacità e inadeguatezza, hanno comportato lo scioglimento del Consiglio comunale, l’aumento di un deficit fuori controllo e lo stato miserevole dei servizi e delle funzioni pubbliche della città".

Inizia con queste parole la riflessione del Laboratorio Patto Civico che sostiene la candidaura a sindaco di Maria Laura Tortorella. "Di fronte a questa grave situazione molti cittadini, sempre in attesa di una svolta che non arriva mai, comprensibilmente hanno maturato una grande sfiducia nei partiti e nei politici che ne sono stati e continuano ad esserne i rappresentanti, nella consapevolezza che votare l’uno o l’altro non fa nessuna differenza, tanto "cambiano i suonatori, ma la musica e sempre la stessa"!"

Per il movimento politico "nell’approssimarsi delle prossime elezioni per il rinnovo dall’Amministrazione comunale oltre ai soliti candidati che, sia a destra che a sinistra, fingono di disconoscere le loro gravi responsabilità e inadeguatezze, c’è una novità!

Il Laboratorio Patto Civico entra nella competizione elettorale con un proprio candidato, una donna, la dottoressa Maria Laura Tortorella, prima donna reggina candidata sindaco, espressione di forte impegno civico e con specifica competenza nella gestione degli Enti locali.

Si tratta di una scelta di amore e di servizio per la propria città che nasce dal desiderio di offrire una vera e credibile alternativa alle solite facce, ai soliti giochi, alle solite manfrine di cui i reggini sono, giustamente, stanchi".

Patto Civico spiega che "accanto a lei si schierano una serie di persone che si contraddistinguono per provata onestà, competenza e spirito di servizio e che desiderano offrire il loro impegno per risollevare le sorti di Reggio Calabria. Questa volta non ci sono alibi: chi è stufo della solita politica ha una reale possibilità di cambiare; chi di solito non va a votare perché “tanto non cambia nulla” ha la possibilità concreta di non sprecare il proprio voto; chi non vuole favori per se, ma una buona gestione della città in cui vive può votare finalmente una proposta nuova.

Si tratta di un impegno che mira a riaccendere la speranza in un futuro migliore per Reggio e per i suoi abitanti basato, non solo su un solido fondamento ideale, ma anche su reali competenze e capacità indispensabili per poter amministrare la città. Dii una proposta di responsabilità personale dei candidati ma anche di coinvolgimento di tutti i cittadini nella gestione e nel controllo dell’amministrazione della città attraverso la piena attuazione degli strumenti di partecipazione previsti dallo Statuto comunale, fino ad oggi mai interamente applicato, compreso il Bilancio partecipato".

Per il Laboratorio occorre "un programma politico-amministrativo che parta dall’affrontare con decisione e risolvere in modo trasparente l’annoso problema del debito, la gestione dei rifiuti e della rete idrica, degli alloggi popolari, della rete stradale per finire con la messa in campo di iniziative tese al rilancio dell’economia e del lavoro a Reggio Calabria.

Un programma che prevede il coinvolgimento di tutte le forze sane della città e l’emarginazione di affaristi e delinquenti e che mette al centro i giovani, il lavoro, lo sviluppo. Una proposta forte che ponga fine all’esodo delle risorse giovanili migliori della città e che crei i presupposti per il rientro di quanti sono stati costretti a cercare altrove la possibilità di realizzare i propri sogni.

Quei sogni che tutti abbiamo il diritto di coltivare nel luogo in cui siamo nati. E, a proposito di sogni, anche questa lista elettorale nasce da un sogno, ma ha tutti i requisiti di realtà perché si avveri. Dipende dai reggini elettori, adesso possono scegliere di cambiare. L’augurio è che questa volta lo facciano!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Esaltare I tratti del viso? La risposta è il contouring

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento