rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Consiglio comunale

Mobilità, approvato un documento da sottoporre alla Commissione parlamentare

Per l'assessore Battaglia: "Questa apertura deve spingerci a cogliere un'occasione unica ed a farlo nel migliore modo possibile"

Il consiglio comunale, aperto al contributo dei consiglieri metropolitani, ha discusso ed approvato un documento strategico su infrastrutture e mobilità per Reggio Calabria e l'area metropolitana. Il testo verrà consegnato alla presidente della Commissione parlamentare ai Trasporti, Raffaella Paita, nel corso di un'iniziativa che si terrà venerdì prossimo alla presenza delle massime autorità cittadine ed allargata alla partecipazione di deputati, senatori e dei vertici istituzionali regionali. 

Ad inizio seduta, l'assemblea si è raccolta in un minuto di silenzio per le vittime del conflitto russo-ucraino ed in memoria dell'ex assessore e già consigliere comunale Antonio Camera, recentemente scomparso. Nel corso del suo intervento, il sindaco facente funzioni, Paolo Brunetti, ha evidenziato "la necessità che la Città si unisca, insieme all'area Metropolitana, chiedendo a gran voce, al Governo ed al Parlamento, il riconoscimento della dignità del popolo reggino. Oggi stiamo discutendo di alta velocità, porto di Gioia Tauro o aeroproto dello Stretto andando a coprire un vulnus di rappresentanza che, negli ultimi decenni, ha segnato la totale assenza della politica nazionale sul nostro territorio e sui bisogni delle nostre comunità".

Per l'assessore ai Trasporti, Domenico Battaglia, "il Consiglio comunale odierno è un gesto di grande rispetto nei confronti dell'aula e della Città Metropolitana che segna il profondo senso delle istituzioni dimostrato dal sindaco Brunetti nel voler presentare, alla presidente della IX Commissione, Raffaella Paita, un documento quanto più condiviso possibile. Questa apertura deve spingerci a cogliere un'occasione unica ed a farlo nel migliore modo possibile. Possiamo, infatti, sfruttare gli ultimi scampoli di legislatura parlamentare provando ad uscire dal gap di marginalità in cui è relegato il territorio dello Stretto". 

Il consigliere Carmelo Versace, anche in qualità di sindaco metropolitano facente funzioni, ha palesato in aula il pieno sostegno di Palazzo Alvaro al documento discusso dal civico consesso, mentre i consiglieri Giuseppe Giordano e Franco Barreca hanno parlato di "momento storico".  Entrando nel merito del documento approvato, viene premesso che "la Città di Reggio Calabria, con l'area Metropolitana, inserita nel più ampio contesto dell'Area Integrata dello Stretto, è uno snodo di rilevanza nazionale ed europea nel sistema intermodale dei trasporti".

"L'area - è specificato - costituisce baricentro geografico e geopolitico nella proiezione della regione euromediterranea, atteso che Reggio Calabria e la Sicilia risultano essere il terminale del corridoio strategico Scandinavo- Mediterraneo. L'Area Integrata dello Stretto è un bacino di 1.200.000 abitanti, oltre ad essere il terminale sud del sistema autostradale e ferroviario del Paese, è caratterizzata dalla presenza di un Aeroporto;  due Parchi Nazionali; tre Università; due Musei Nazionali; due Autorità di Sistema Portuale oltre siti di rilevanza Archeologica e Paesaggistica".

"Lo sviluppo del territorio - si legge ancora - si può concretamente realizzare con la dotazione e il potenziamento di una rete infrastrutturale strategica attraverso la realizzazione dell'Alta Velocità che nella dimensione Salerno-Reggio Calabria venga disegnata in funzione del raggiungimento della soluzione AV Larg (Lean, Agile, Resilient, Green) che consenta il collegamento tra i due nodi (Roma-Reggio Calabria) in un tempo di percorrenza non superiore alle tre ore".

Imprescindibile, in questo senso, anche "il rilancio dell'aeroporto dello Stretto con la classificazione da aeroporto nazionale ad aeroporto di interesse strategico; il riconoscimento della Continuità Territoriale, l'eliminazione delle limitazioni e restrizioni insistenti superabili con pochi efficaci interventi d'intesa con Enac, l'implementazione del sistema cargo; il miglioramento dell'accessibilità e della funzionalità con le risorse già destinate;  l'attuazione di politiche di coinvolgimento delle istituzioni messinesi, tenuto conto delle specificità dell'area integrata dello Stretto, prevedendo anche l'ipotesi di un riassetto societario di Sacal, in sinergia con la Regione Calabria, nell'ottica di una migliore funzionalità dell'aeroporto dello Stretto per meglio indirizzare l'attrattività di nuovi vettori rivolta al becino euro mediterranea". 

In questo contesto, "la Città Metropolitana di Reggio Calabria possiede come peculiarità quella di essere inserita all'interno di due distinte Autorità di Sistema Portuale. Il recente rapporto ISTAT - è scritto nel documento - segnala i porti di Reggio Calabria, Villa San Giovanni e Messina come i porti europei con maggior traffico passeggeri. La circostanza rappresenta la fotografia del livello di conurbazione tra le due città dello stretto e segnala l'esigenza di un non più rinviabile miglioramento del servizio di collegamento con i mezzi veloci che possa garantire un maggior numero di corse e la copertura di un arco temporale dell'intera giornata in grado di offrire risposte al pendolarismo lavorativo, sanitario e potenziale volano di sviluppo socio culturale". 

"L'Amministrazione Comunale di Reggio Calabria - viene ricordato - ha sottoscritto un protocollo di intesa con l'Autorità di Sistema dello Stretto (che si allega in copia ed è parte integrante del presente documento) per la realizzazione di interventi di potenziamento dell'area portuale anche in funzione del rivoluzionario progetto di costruzione del Museo del Mediterraneo, ideato dall'archistar Zaha Hadid e finanziato dal Mibact". Ed ancora: "Di fondamentale importanza per l'intera Città Metropolitana è il compiuto sviluppo dell'area portuale di Gioia Tauro che necessariamente trova attunzione con l'attuazione del seguenti punti: rimodulazione dell'area ZES; sviluppo delle aree industriali e creazione dell'interporto; sviluppo della piattaforma del freddo». Altro nodo cruciale è «il finanziamento per il completamento dell'ammodernamento e la messa in sicurezza della Statale 106 nel tratto compreso all'interno dell'area metropolitana di Reggio Calabria".

Il sindaco facente funzioni e la giunta, dunque, sono stati impegnati "a farsi interpretei della volontà del Consiglio Comunale espressa nel  documento al fine di portare nelle sedi parlamentari e di governo le legittime istanze rappresentate". 

"Esse - in conclusione - sono dirette a promuovere e pianificare il sistema delle infrastrutture per accrescere il livello di mobilità delle persone e delle merci, procedendo alla risoluzione dei problemi connessi all'accessibilità, alla viabilità ed alla circolazione, a vantaggio della qualità urbana, della diminuzione di inquinamento acustico ed atmosferico, del contenimento dei consumi energetici e dell'uso efficiente del territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità, approvato un documento da sottoporre alla Commissione parlamentare

ReggioToday è in caricamento