'Ndrangheta, Davi: "Adesso sono le donne che vanno in giro a riscuotere il pizzo"

E' quanto emerge da uno studio realizzato da Klaus Davi in collaborazione con l'associazione Ethos, presieduta da Giuseppe Musarella, e realizzata su un campione di 50 commercianti a Reggio Calabria

klaus Davi

"Adesso sono le donne che vanno in giro per boutique, supermercati, bar, ristoranti, pizzerie e negozi a riscuotere direttamente il pizzo": è una delle novità che scaturisce da uno studio realizzato da Klaus Davi in collaborazione con l'associazione Ethos, presieduta da Giuseppe Musarella, e realizzata su un campione di 50 commercianti a Reggio Calabria.

Secondo i dati, "il 5% degli estortori è rappresentato dalle donne che si recano in negozi ed esercizi commerciali a riscuotere direttamente e illecitamente il denaro per conto delle organizzazioni mafiose. Le figure più comuni in questo ruolo sono rappresentate invece da giovani figli di boss o famiglie mafiose (34%), seguiti da noti affiliati di rango minore (22%), altri commercianti (14%), affiliati di alto rango (12%), sconosciuti che rivendicano appartenenza mafiosa (11%), donne (5%) e persone dello Stato (2%)".

Dalla ricerca Klaus Davi - Ethos emerge anche che "il 75% degli intervistati è stato oggetto di estorsione, anche velata, nella sua vita mentre il 34% non denuncia l'azione criminale perchè teme conseguenze per la sua famiglia, il 24% perchè ha paura e il 19% afferma che lo Stato non tutela chi denuncia.

L'estorsione (26%) e la crisi economica (26%) sono le emergenze che colpiscono maggiormente il commercio reggino e il 70% conferma quanto detto da Molinetti nell'inchiesta "Malefix", cioè che a Reggio tutti pagano il pizzo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le richieste di estorsione sono state formulate principalmente attraverso l'offerta di prodotti gratis (32%), servizi gratuiti (18%) e imposizione di forniture (18%) mentre il 55% del campione dice che la tassa mafiosa è inferiore a quella statale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm contro il Covid: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • La Calabria verso il coprifuoco e la chiusura delle scuole: in arrivo nuova ordinanza regionale

  • Falcomatà battezza la sua nuova giunta: "Capaci di vincere le partite più difficili"

  • "Batteri coliformi nell'acqua", scatta il divieto per uso alimentare in alcune zone della città

  • La droga in Sicilia arrivava via mare, due arresti sulle acque dello Stretto

  • Gallo e la M&G Holding, le Iene "indagano" sulla società del presidente amaranto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento