rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Altro Pineta Zerbi - Tre Mulini - S.Brunello / Viale Genoese Zerbi

Nasce anche a Reggio Calabria la prima Popup Sport Zone

Taglio del nastro e conferenza stampa di presentazione sabato 9 marzo, alle ore 11.30, nella Pineta Zerbi, alla presenza di ospiti e autorità istituzionali

Sarà inaugurata sabato 9 marzo, nella Pineta Zerbi, la prima Popup Sport Zone di Reggio Calabria, realizzata nell’ambito del progetto promosso da Asc Attività Sportive Confederate, con il contributo del dipartimento per lo sport.

Gli obiettivi delle Popup Sport Zone sono quelli di migliorare la qualità di vita dei cittadini, contribuire a generare modelli urbani sostenibili, favorire la diffusione della pratica sportiva come strumento di socialità, inclusione e salvaguardia della salute.

La tappa calabrese segna la chiusura del progetto nazionale Popup Sport Zone, che ha coinvolto, oltre alla città di Reggio, altre località italiane: Alessandria, Bari, Como, Forlì, Palermo, Potenza, Roma, Salerno e Verona. In queste dieci città, grazie all’intervento finanziario e progettuale di Asc, sono state create altrettante aree attrezzate all’aperto, provviste anche di dotazioni dedicate ai diversamente abili: la Popup Sport Zone di Reggio Calabria, al pari di quelle sorte nel resto d’Italia, sarà dunque accessibile da tutti, gratuitamente, in qualsiasi momento della giornata, consentendo di svolgere liberamente diverse tipologie di attività sportiva.

L'evento inaugurale

L’appuntamento, a Reggio Calabria, è alle ore 11,30, nella Pineta di viale Zerbi Pineta, dove si terrà la conferenza stampa Sport City Tour. Parteciperanno: il sindaco Giuseppe Falcomatà, la prefetta Clara Vaccaro, il presidente del Coni Calabria, Maurizio Condipodero, il presidente nazionale e del direttore generale di Asc, Luca Stevanato e Valter Vieri, il segretario generale Fidal, Alessandro Londi.

Prenderanno parte all’evento anche il parlamentare Francesco Cannizzaro, il vice presidente della Regione Calabria con delega allo sport, Giusi Princi, l’arcivescovo Fortunato Morrone, il vice sindaco e assessore all’ambiente, Paolo Brunetti, il delegato allo sport Città metropolitana, Giovanni Latella, il segretario regionale della Sovraintendenza, Maria Mallamace, il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Antonella Iunti, il procuratore capo Giovanni Bombardieri, il procuratore generale della Corte d’Appello, Gerardo Dominijanni, il presidente regionale dell’Unione Ciechi, Pietro Testa, il presidente dell’Osservatorio sport del Consiglio regionale, Fabio Colella, il direttore di sport e salute Calabria, Walter Malacrino, il questore Bruno Megale e il comandante della Guardia di finanza, Maurizio Cintura.

Il progetto

Popup Sport Zone trae origine dalla consapevolezza che la pratica dell’attività fisica è strettamente connessa all’ambiente in cui si risiede e al contesto in cui si vive: il modello di riferimento è quello della “città in 15 minuti”, che mira a garantire al cittadino la possibilità di svolgere alcune funzioni essenziali, compresa l’attività sportiva, entro distanze percorribili in 15 minuti a piedi o in bicicletta dalla propria abitazione.

Le Popup Sport Zone, oltre ad incentivare la pratica sportiva, la socialità e l’integrazione, mirano dunque a generare modelli di sviluppo urbano sostenibili, favorendo la riduzione dei tempi impiegati per gli spostamenti e contribuendo a contenere le emissioni inquinanti.  

La realizzazione delle Popup Sport Zone è inoltre accompagnata dalla creazione di una app dedicata e di un sistema a elevato livello di digitalizzazione. In particolare, in ognuna delle aree attrezzate, sarà presente un QR code che, dopo essere stato inquadrato, consentirà di conoscere le attività che è possibile praticare sugli attrezzi installati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce anche a Reggio Calabria la prima Popup Sport Zone

ReggioToday è in caricamento