Csi, concluso il progetto educativo "Edusport 3.0": adesso spazio al torneo polisportivo di strada

L'associazione di Reggio Calabria ha portato avanti due corsi della durata di quattro mesi sul tema psicosociale. La prossima manifestazione partirà il 28 giungo a Pellaro

Daniele Novara consegna gli attestati ai corsisti

Archiviata con successo la terza edizione del progetto formativo Csi "Edusport 3.0". I corsi di formazione per educatore psicosociale nella marginalità e pedagogia e della devianza sono stati promossi dall'università "Dante Alighieri", il Csv dei due mari e l'associazione Inside, i quali insieme al Csi di Reggio hanno portato avanti i due itinerari, attraverso moduli teorici e parte pratica divisa in tirocini formativi. Le presenze registrate sono di circa 100 iscritti, a cui è stato consegnato un attestato nel rompete le righe di settimana scorsa.

Studenti, insegnanti, assistenti sociali, educatori, animatori, allenatori e pedagogisti sono stati impegnati per quattro mesi in un vero percorso di crescita, confronto e formazione che ha puntato a fornire competenze specifiche su diversi strumenti educativi. Durante la cerimonia di fine corso è intervenuto lo scrittore e pedagogista Daniele Novara, noto scrittore: “Non è colpa dei bambini, gioco, per un bambino, non è una parentesi di relax -  afferma anche il Presidente del Centro Psicopedagogico -  nelle attività quotidiane, rappresenta il “tutto”: il regno della scoperta, della fantasia, del fare le cose per il gusto di farle. I nostri ragazzi, in altre parole, sono avviati fin da piccolissimi agli sport più vari, ma non hanno più spazi di gioco libero di movimento: così arrivano all’adolescenza con una buona competenza tecnica nel loro sport preferito, padroneggiando alla perfezione i gesti tecnici, ma non hanno forza e non hanno armonia." 

L’ultima parte del corso ha visto una fase esperienziale e laboratoriste, con i tirocini presso realtà sociali del territorio reggino ed i laboratori di progettazione sociale. Da segnalare, tra questi, l'innovativo laboratorio denominato “I cantieri sociali” guidato da Vincenzo Romeo e Carmelina Toscano. L'equipe del Csi ha, inoltre, messo in campo delle significative e lungimiranti esperienze di “gioco libero e partecipato” e delle sperimentazioni di “rigenerazione sociale e urbana”. L’attività è stata sviluppata a Pellaro e Arghillà attraverso la riqualificazione di spazi abbandonati e la promozione di attività sportive strada. Qui si sono svolti tornei di basket 3 vs 3, calcio 3 più 1 e pallavolo indirizzate ai ragazzi dai 10 ai 16 anni. 

Terminato il corso formativo, c'è già un nuovo evento ad attendere il Csi. Il 28 giugno, infatti, partirà la XVI edizione del torneo polisportivo di strada "Amicizia 2019" nell'area Streetsport da poco riqualificata sul lungomare di Pellaro. La manifestazione sportiva innovativa vede i ragazzi organizzarsi autonomamente, fuori da schemi strutturati e vincolanti e con la possibilità di  iscriversi anche come singolo giocatore, così da favorire la partecipazione di tutti.  I genitori saranno coinvolti come arbitri del torneo e animatori del fase denominata terzo tempo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa nella serata finale di Festa Madonna: diverse persone finiscono in Questura

  • Inizio anno scolastico, mancata nomina assistenti disabili: l'intervento di Marziale

  • Assistenti educativi in protesta, Nucera: "Il servizio partirà dopo la prima settimana di ottobre"

  • Prende forma la Polisportiva Giulio Campagna, società pronta a durare nel tempo

  • Brancaleone, incidente tra auto e pulmino: un morto e due feriti

  • Stretta dei Nas sul territorio: sequestrata una clinica e locali chiusi in provincia

Torna su
ReggioToday è in caricamento