rotate-mobile
Attualità

L’arte del reggino Federico arriva fin dal ct spagnolo Luis Enrique

Il disegno, postato sui social, ritraeva un toccante dialogo tra il commissario tecnico della Spagna e la sua piccola Xana, deceduta a soli 9 anni. L’altra figlia Sira ha condiviso la toccante opera sui social

Quando si dice che l’arte non ha confini, sicuramente non si afferma il falso. Basta chiedere ad Antonio Federico, noto fumettista reggino famosissimo in tutta Italia per le sue illustrazioni sui social e che adesso ha raggiunto la Spagna, grazie alla figlia del commissario tecnico della nazionale iberica Luis Enrique.

La storia del selezionatore spagnolo è molto toccante. Nel 2019 ha messo da parte il mondo del calcio per stare vicino alla sua piccola Xana, la figlia poi deceduta a soli 9 anni per una malattia. Un cammino doloroso, ma che pian piano ha fatto tornare Luis Enrique sulla panchina della Spagna da grande uomo. La Roja che ha allenato anche negli ultimi Europei, quelli in cui è stato eliminato ai calci di rigore dalla nostra Italia. Al termine della semifinale di Wembley hanno colpito le parole dello stesso allenatore spagnolo, il quale si è complimentato con gli azzurri rivelando anche di voler tifare proprio noi in finale.

L’avvicendamento in campo ha permesso a Federico di ripercorrere il passato del ct spagnolo, con un’illustrazione delle sue e che si può ammirare in apertura dell’articolo. Disegno così commovente e delicato, tanto da raggiungere direttamente la famiglia dell’allenatore. In particolare è l’altra figlia di Luis Enrique, Sira Martínez, ad aver condiviso su Instagram il post dell’artista reggino.

Antonio Federico - libro l'umanità cercata ed illustrata-3

Il grande attestato di stima è stato così commentato da Antonio Federico (nella foto in alto con il suo nuovo libro) sulla sua conosciutissima pagina Facebook ‘Antonio Federico Art’: “L’illustrazione dedicata a Luis Enrique è arrivata a lui grazie a sua figlia Sira che ha pubblicato sulla sua pagina Instagram il mio post. Diversi giornali spagnoli stanno condividendo la notizia. Ringrazio chi mi ha prontamente aiutato per la traduzione e confesso che un po’ rimpiango le lezioni di lingue passate a disegnare di nascosto sul banco.

Ad ogni modo – conclude Federico - spero davvero sia stato apprezzato dal papà di Sira e Xana e sentire e leggere tanto sostegno non può che rendermi felice e determinato nel continuare a raccontare ciò che provo.”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’arte del reggino Federico arriva fin dal ct spagnolo Luis Enrique

ReggioToday è in caricamento